Il fotografo Libero De Cunzo, docente all’Istituto Boccioni Palizzi e all’Accademia di Belle arti di Napoli, è  tra i protagonisti della mostra virtuale “Artisti al tempo del Coronavirus” inserita nella programmazione #nonfermiamolacultura  sulla pagina Facebook dell’assessorato alla cultura del Comune di Napoli. L’esposizione è organizzata dall’associazione TempoLibero presieduta da Clorinda Irace. Oltre ottante opere offerte in una singolare esposizione che mette insieme autrici e autori di generazioni differenti: dai bambine/i che  liberano la loro fantasia durante laboratori artistici ai novantenni. Donando, potrete scegliere una scultura, una foto, un dipinto, un gioiello o una poesia-immagine: il ricavato andrà al fondo di solidarietà del Comune di Napoli IL CUORE DI NAPOLI  in supporto di chi in questa emergenza rischia di annegare.
Nell’intervento che segue, De Cunzo ci racconta MAAV.19 (MassiveAttakAntiVirus.19)
con cui aderisce al progetto.

 

 

Libero De Cunzo
MAAV.19 (MassiveAttakAntiVirus.19). In alto, un altro scatto di Libero DeCunzo che fotografa la distanza sociale in via Monte di Dio

di LIBERO DE CUNZO

Magari una risata pure, anzi certo fa bene. Ma tra madre che fa i capricci ed é sola col cane a 300 km a 85 anni, figlie separate a chilometri di distanza, allievi e anche colleghi a volte più vicini ma poi luntani luntani, nonché i disastri generali, il sorriso viene di rado… Si ha la speranza che tutto cambi in meglio con una diffusa coscienza allargata per abitare la terra con il dovuto rispetto e cura…ma il rischio è una possibile deriva che emerge già.
Distanze, barriere, conflitti, sovranismi, individualismi sono un pericolo reale… Se penso che 100 anni fa dopo la spagnola è arrivato il fascismo (etc…) mi vengono i brividi nonostante Papa Francesco…che ci commuove tutti per le verità palesi che dice..
Il mio lavoro è parte di raptus creativi che semino la notte e realizzo all’alba: è la mia cura antivirus musica e immagini ..un Opera al nero di estrazione alchemica non troppo criptica, certamente simbolica.
All’inizio erano necessità, per fare degli esempi di lavoro per le esercitazioni a distamza di laboratorio artistico dei miei allievi/e del Boccioni-Palizzi… per andare loro incontro… stanarli…e far loro superare la naturale strutturata apatia di intossicati da oppiosmartphone. Quelli che non leggono la traccia, se é più lunga di tre righi.
Nemmemo i commenti di spiegazione allegati e a volte nemmeno gli esempi bastano, senza pudore non riconoscono un rettangolo da un quadrato… certo non  é tutta colpa loro, la scuola non aiuta più realmente a crescere, forma dei robottini tutti già nati con la protesi e formati alle competenze specifiche.
Sono terrorizzati se chiedi loro di leggere, ragionare e verificare… Ma proprio nelle difficoltà, insistendo sul potenziamento delle loro attitudini e qualità con pazienza e affetto (sì ci vuole affetto) non solo arrivano i risultati addirittura eccellenti, ma allo scambio di auguri con i cuoricini percepisco la loro (e vivo la mia) commozione.
Un po’ come quando il Papa benedice tutti rivolgendosi alla piazza vuota per dare salvezza anche a chi non crede. Poi ci sono i contrasti che ritornano… meno con gli adolescenti, più con gli adulti… perché è vero che la tolleranza è una virtù fondamentale ma sono sofferente dei falsi ideologici, dei luoghi comuni, dei personalismi, sovranismi e fascismi. Come della superficialità, in particolare di scelte oltre che di posizioni che fanno danni.
Viva la creatività, viva la leggerezza quella spiegata da Calvino nelle Lezioni americane. Viva gli animali che si stanno godendo il pianeta senza imbecilli che siamo noi che lo distruggiamo.
Viva l’amore fraterno e l’@rmonia tra ciò che è piccolissimo e ciò che è infinitamente grande. Cogliamo tutti assieme la relazione intensa tra l’uno e l’infinito… tutto questo è anche la mia opera per ars virus est (il motto da cui è nata l’iniziativa di TempoLibero ndr).
©Riproduzione riservata

 

CREATIVI AL TEMPO DEL CORONA VIRUS

GALLERIA VIRTUALE, GUARDA IL VIDEO DELLA MOSTRA E SCEGLI L’OPERA DOPO AVER DONATO
https://www.facebook.com/100007133595240/videos/2646242648956829/?id=100007133595240

GLI ARTISTI CHE PARTECIPANO (in ordine di adesione):

Tony Stefanucci, Rosa Panaro, Armando de Stefano, Laura Cristinzio, Mathelda Balatresi, Nando Calabrese, Ernesto Terlizzi, Francesco Lucrezi, Francesco Alessio, Vittorio Avella, Clara Garesio, Giuseppe Pirozzi, Ilia Tufano, Marialuisa Casertano, Libero De Cunzo, Salvio Capuano, Vittorio Cortini, Carla Viparelli, Dino Izzo, Rosaria Corcione, Francesca Di Martino, Marisa Ciardiello, Ellen G, Francesco Canini, Mario Lanzione, Antonio Picardi, Vincenzo Aulitto, Eugenia Serafini, Mariapia Daidone,  Diana Franco – Manuela Capuano, Aulo Pedicini, Gianfranco Duro, Michele Mautone, Maja Pacifico, Gualtiero Redivo, Valentina Guerra,  Elena Manocchio,  Antonio Conte, Tony Salvo, Tommaso Arcella, Prisco De Vivo, Silvana Leonardi, Annamaria Pugliese, Francesco Fabozzi, Sara Lubrano, Peppe Esposito, Rita Lonardo, Renato Brancaccio, Maria Pia Daidone, Giancarlo Costanzo, Donato Izzo, Luigi Filadoro e i suoi bambini del laboratorio, Silvana Parente, Tina Sciarappa, Francesco Giraldi, Giovanni Ruggiero, Laura Chilivano, Marisa Traettino, Peppe Pappa, Luisa Corcione, Anna Corcione, Lucia Aiello, Paola Nasti, Raffaele Di Florio, Massimiliano Pappa, Andrea Petrone, Alberto Albano, Gabriele Castaldo, Danilo Donzelli, Ugo Levita, Alfonso Mangone, Nicca Iovinella, Maria La Mura, Antonio Salzano, Luminita Irimia, Carmine Rezzuti, Pina Della Rossa, Luigi Auriemma.
I poeti\scrittori: Eugenio Lucrezi, Alfonsina Caterino, Enrico Fagnano, Francesco Divenuto, Francesca Gerla, Floriana Coppola, Alfonso Marino, Giorgio Moio.

IL COMUNE DI NAPOLI AL FIANCO DEGLI ORGANIZZATORI
Il progetto è inserito nella programmazione #nonfermiamolacultura all’ìinterno della pagina fb dell’assessorato alla cultura del Comune di Napoli.
COMUNICAZIONE
Media partner dell’operazione creativa, ilmondosuk affiancato dal giovane esperimento social Casa d’Andrea. L’associazione Marano Spot Festival si occuperà della realizzazione tecnico-artistica della mostra virtuale. L’ISIS Boccioni Palizzi, guidato da Paola Guma, collaborerà all’intero progetto con l’impegno dei suoi docenti e studenti.
COME VEDERE LA MOSTRA
Attraverso collegamento web al sito dell’associazione www.associazionetempolibero.it o alle pagine FB #laculturanonsiferma dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli,la pagina FB ARS VIRUS EST, la pagina FB dell’associazione TempoLibero e sulle pagine social e i siti di tutti i partner (l’istituzione:Fondazione Premio Napoli; le aziende Gruppo Capri Alcott Gutteridge, la GCO ossigeno, la Tecnoin, lo Studio legale Gaeta, il CIO Consorzio italiano ossigeno, Yao Sushi; le associazioni: Palazzi napoletaniPunto Orgétant donnésArte Studio GallerypARTy Napoli).
COME FARE UNA DONAZIONE E AGGIUDICARSI UN’OPERA
1) Sarà necessario effettuare un bonifico sul c/c  dell’associazione TempoLibero – IBAN: IT 60 K 03069 09606 1000 0015 0816-che provvederà successivamente a trasferire le donazioni sul conto indicato dal Comune di Napoli.
2)Contestualmente inviare mail all’associazione Tempolibero (info@associazionetempolibero.it) con allegata  copia del bonifico CRO da cui si evince ora e data, indicando l’opera prescelta, più altre due opzioni di riserva.
COME AVERE L’OPERA SCELTA
L’associazione assegnerà le opere alle migliori donazioni secondo l’ordine di arrivo dei bonifici, fino a esaurimento delle stesse (in totale sono 85). Se le opere indicate saranno già state assegnate, si procederà attribuendo un’opera secondo la disponibilità residua. Il ricavato sarà devoluto dall’Associazione TempoLibero al fondo di solidarietà del Comune di Napoli IL CUORE DI NAPOLI che sostiene i poveri della città.  Le opere saranno ritirate dagli assegnatari a conclusione della crisi in atto.

Per saperne di più
info@associazionetempolibero.it
lindairace@gmail.com WhatsApp
3351314431
www.associazionetempolibero.it

RISPONDI