Sam Havadtoy alla Certosa e Museo di San Martino di Napoli. Con la mostra Memory of Love   nei suggestivi ambienti del Ninfeo. L’iniziativa è realizzata dal Polo museale della Campania, diretto da Anna Imponente, in collaborazione con Piero Addis, direzione generale della Reggia di Monza. Da domani,18 ottobre (vernissage alle 17, fino al 20 novembre).

Qui sopra, una delle sue porte. In alto la 500 "merlettata"
Qui sopra, una delle sue porte. In alto, la 500 “merlettata”

Venticinque opere, tra dipinti e sculture, della sua produzione recente. Singolare, nel suo lavoro, l’inserimento del merletto, materiale insolito per l’arte contemporanea, tuttavia presente nella memoria dei popoli dell’est Europa  come elemento distintivo di classe, religione, storia e moda.
L’artista incolla frammenti di leggero pizzo su differenti supporti. E, strato dopo strato, li ricopre di colore: così  il gioco di vuoto e pieno che si crea diventa l’elemento strutturale dell’immagine che ne risulta.
 Havadtoy, nato a Londra nel 1952, cresciuto nell’Ungheria post 1956, trasferitosi negli Stati Uniti nel 1972, dove ha iniziato a lavorare come arredatore d’interni, ha vissuto da protagonista sul palcoscenico di quella straordinaria stagione creativa, sviluppatasi nella seconda metà del Novecento a New York.
Amico di John Lennon e Yoko Ono – di cui divenne compagno, dopo la tragica scomparsa del musicista inglese – e di altre personalità quali Andy Warhol, Keith Haring, Jean-Michel Basquiat, Jasper Johns, Robert Rauschenberg, John Cage e molti altri.
L’esposizione testimonia  il suo amore per  l’Italia, che definisce “il mio paese di adozione”. E qui , nel 2008, subisce una decisa trasformazione, prodotta dalla seduzione del mare che fa esplodere la sua creatività in un trionfo colorato.
Ad accogliere il visitatore, non a caso, c’è  una Fiat 500 d’epoca, decorata con la sua caratteristica tecnica a merletto. E poi la scultura Pinocchio, protagonista di una storia tutta italiana.
 Nella passeggiata dei monaci, spazio riservato alla meditazione e alla preghiera, l’autore espone la serie inedita Doors. Porte dipinte: 14 come le stazioni della Via crucis. Metafore del  passaggio e della sofferenza, tappe inevitabili per ciascuno di noi, nel corso della vita.

SAM HAVADTOY_
Memory of Love
Certosa e Museo di San Martino – Largo S. Martino, 5 80129 Napoli
tel. 081 229 4510-532-538 / accoglienza.sanmartino@beniculturali.it
 19 Ottobre – 20 Novembre 2018
Inaugurazione: Giovedì 18 Ottobre, ore 17.00 – con invito e per la stampa
Orario: 9.30-12.30; chiusa il mercoledì
Il biglietto costa 6 euro

 

 

 

 

RISPONDI