I capolavori del Museo archeologico nazionale di Napoli  sui foulard e sulle cravatte (foto) del marchio napoletano nato nel 1780. L’Ercole e il Toro Farnese, la testa Carafa e il mosaico di Alessandro, i reperti della collezione epigrafica e del Gabinetto segreto, la ragazza con lo stilo (pseudo Saffo) e la testa femminile di Palmira.
Nello showroom Cilento della Riviera di Chiaia sono disponibili in un armonico gioco di forme e colori, visione d’insieme e dettaglio, per gli appassionati di arte e eleganza. Spiccano i colori e le fantasie nei foulard femminili; per le cravatte, invece, si è creato un sapiente rimando tra il codino, dove è rappresentato il reperto con il marchio del Mann e la pala, su cui è impresso soltanto un particolare del capolavoro del Museo. 
La filosofia, alla base del design dei capi, è legata alla valorizzazione del nostro patrimonio culturale, senza rinunciare a stile, sobrietà e abbinabilità degli accessori. Un incontro d’amore tra la sartoria napoletana e i tesori archeologici della città.

RISPONDI