Buon compleanno, Federico II.  L’antica università compie 794 anni. Fu fondata il 5 giugno 1224. E sarà festeggiata venerdì della prossima settimana.
«In questo momento storico- spiega il rettore Gaetano Manfredi- l’unica strada per andare verso il futuro è l’apertura, la dimensione internazionale e europea e la qualità del sapere. Noi siamo la più grande università del sud, noi dobbiamo formare la classe dirigente del futuro, non possiamo guardare al passato, dobbiamo credere in un futuro che è fatto di pari dignità. Siamo in grado di farlo, lo facciamo ogni giorno nelle nostre aule e i nostri laboratori e lo ricorderemo l’8 giugno perché questa è la nostra missione».
Si partirà dagli studenti: alle 14.30, nell’aula De Sanctis, dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, in corso Umberto I, 40, Concetta Giancola, presidente del Comitato Unico di Garanzia, premierà i vincitori del contest fotografico “Università è con-di-visione”, organizzato dal Comitato Unico di Garanzia. Nella sala verrà allestita anche una mostra con una parte delle foto presentate al concorso.
Alle 15, nella stessa aula, con  Manfredi, il prorettore Arturo De Vivo, il presidente della scuola di medicina e chirurgia, Luigi Califano, il presidente della scuola delle scienze umane e sociali, Aurelio Cernigliaro, il vicepresidente Scuola di agraria e medicina veterinaria, Giuseppe Cringoli, e il presidente della scuola politecnica e delle scienze di base, Piero Salatino consegneranno i premi Buon Compleanno Federico II a 33 studenti meritevoli.
Seguiranno altri due premiazioni per competizioni internazionali: 3 studenti di Informatica che hanno vinto un concorso svoltosi in Canada per il miglior programma di riconoscimento di fotocamere che hanno generato immagini. E uno studente di scienze aeronautiche, best paper alla 14° Pegasus Student Conference.
Alle 16.30, nell’aula magna storica i Manfredi con De Vivo e i presidenti delle 4 scuole dell’Ateneo premieranno i laureati illustri:  Eugenio Bennato (cantautore), Alessandro Bonatti (Associate Professor of Applied Economics at the
MIT Sloan School of Management), Walter Sanseverino (direttore esecutivo di Sequentia Biotech, società di genomica e bioinformatica), Dario Sacco (Head of Powertrain Research and Technology del Centro ricerche Fiat), Pasquale Q. Terracciano (diplomatico italiano, Ambasciatore d’Italia nella Federazione Russa), Giorgia Abeltino (head of public policy di Google in Italia), Luca Miniero (regista e sceneggiatore) e Enzo Decaro (attore, sceneggiatore e cabarettista) introdotti  dagli studenti premiati. Un passaggio di testimone.
Seguirà una conversazione con l’artista Neri Marcorè, cui verrà consegnato un riconoscimento. E alle 18, lo scalone della Minerva, accoglierà un intermezzo musicale del Coro polifonico universitario Federico II, composto da studenti, professori e personale non docente dell’Ateneo.
Alle 20 si riapre il cortile delle statue di origini quattrocentesche. Sarà possibile accedere al cortile da corso Umberto I, 40, da via Mezzocannone, 8, o da via Paladino, 39. Il cortile è stato parzialmente inibito per lavori per 11 anni. Sul cortile e sulle sue meridiane è stato stampato un volumetto che verrà distribuito principalmente alla comunità federiciana. E qui si concluderà la  festa con lo spettacolo musicale Come una specie di sorriso di Neri Marcorè e Gnu Quartet. Così la cultura celebra la creatività.
In foto, l’edificio centrale dell’Università, in corso Umberto
Per saperne di più
http://www.unina.it/home;jsessionid=6FE8EF788A1728800CEC40989ADC9681.node_publisher11