Farmacopee. Una insolita rassegna artistica alla farmacia dei golfi di Napoli della famiglia De Martino, in piazzetta Duca D’Aosta, a pochi passi dall’Augusteo, palcoscenico napoletano che accoglie da anni protagonisti del teatro italiano.


L’iniziativa parte proponendo in vetrina Pietro Lista e Rosa Cuccurullo: ad angolo con i gradini Conte di Mola, la farmacia dà il via ad un ciclo di esposizioni che vedrà l’alternarsi di noti autori campani.
Esponente dell’arte povera, Lista ha presentato “ Diario”, installazione  in spago e legno racchiusa in una scatola di plexiglass. Cuccurullo, versatile autrice dal percorso professionale eclettico , ha portato in mostra “Erbario”,   eleganti opere a tema foliage.
Dieci artisti sono stati invitati a lavorare ex-novo a un’opera “portabile”: inediti, dunque, che vanno a formare un’originale collezione di “Raccolte Metafantafisiche delle cose di.”
Un originale format che avvicina il pubblico in modo innovativo all’arte contemporanea, puntando alla valorizzazione di uno spazio storico della città e su un’idea di benessere totale.
Farmacopee (dal greco antico phármakon “farmaco” e  poiéō “fare”) ovvero l’arte di preparare i farmaci, pone accento sulla complessità della società attuale, che riconosce sempre più l’opportunità di riservare dei momenti dedicati all’arte anche in spazi insoliti per le esposizioni.
Dopo Pietro Lista e Rosa Cuccurullo,  le cui opere saranno esposte fino al 12 ottobre, Toccherà a Vittorio Vanacore e Rosanna Iossa, Antonella Pagnotta e Gaetano Di Riso, Angelo Maisto e Fiormario Cilvini, Felix Policastro ed Enzo Palumbo. In coppia artistica, per par condicio.
Durante l’inaugurazione è stato distribuito un origami a forma di barca,  che rimanda a il viaggio ideale nell’arte contemporanea , ma anche , per la sua struttura, al bugiardino che accompagna tipicamente i prodotti farmacologici. Sul bugiardino creativo, però, questa volta, ci sono le notizie delle opere e dei loro autori.
Foto Credit: Antonio Caporaso&Jacopo Naddeo

.

Foto Credit

Antonio Caporaso&Jacopo Naddeo

RISPONDI