Gratis al Museo di Capodimonte. Domenica 2 febbraio si rinnova l’appuntamento gratuito mensile nei musei. Sarà visitabile gratuitamente la collezione Farnese, l’Armeria farnesiana e borbonica e la Letizia Ramolino, gesso del Canova restaurato per il ciclo di mostre L’Opera si racconta al primo piano (8.30-19.30).
Al secondo piano (9.30-17.00) sarà possibile ammirare la Galleria delle arti a Napoli dal Duecento al Settecento, il Corridoio barocco e del ‘700, la Flagellazione di Cristo di Caravaggio e l’imperdibile mostra Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli con le sculture, i disegni e le maquette architettoniche, mentre la sezione delle ceramiche è allestita nell’antico Cellaio del Real Bosco (foto), aperto nel weekend dalle ore 10.00 alle 16.00.
Costa solo 6 euro, invece, visitare Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica, a cura di Sylvain Bellenger promossa dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, con il Teatro di San Carlo di Napoli, in collaborazione con Amici di Capodimonte onlus e la produzione e organizzazione della casa editrice Electa.
Le 19 sale dell’Appartamento Reale, riproposte in una spettacolare e coinvolgente scenografia, ideata dall’artista Hubert le Gall come la regia di un’opera musicale, diventano il palcoscenico d’eccezione sul quale vanno in scena il Teatro di San Carlo, con la sua sartoria oggi diretta da Giusi Giustino e le porcellane di Capodimonte. Vero filo conduttore della mostra: la musica che si ascolterà grazie all’uso di cuffie dinamiche – non semplici audioguide – che si attivano passando di sala in sala.
Nella sala 12 del primo piano alle 16.30 omaggio musicale dell’associazione MusiCapodimontea Libero Bovio: I’ so’ Napulitano e si nun canto, more!
Bovio fu poeta, scrittore, drammaturgo e giornalista, autore di testi di molte celebri canzoni in lingua napoletana. Insieme a Salvatore di Giacomo, Ernesto Murolo ed E.A Mario è stato un artefice della cosiddetta epoca d’oro della canzone napoletana.
Saranno presenti: Rosy Botti, Lino Cavallaro, Mario Cavallini, Aurora Giglio, Ilva Primavera, Enza Romano. Al pianoforte M° Vittorio Cataldi. Note biografiche a cura di Ciro Daniele. Ingresso libero per i visitatori del Museo fino a esaurimento posti.
Nella mattinata l’associazione proporrà come sempre l’intervento musicale di Rosario Ruggiero che al piano accoglierà i visitatori del Museo, nella sala della pittura emiliana del Cinquecento (sala 12, al primo piano) a partire dalle ore 10.30 fino alle 12.30, mentre gli altri spazi museali saranno animati dalle performance della Compagnia Arcoscenico con Rodolfo Fornario e Antonella Quaranta.
Per saperne di più
http://www.museocapodimonte.beniculturali.it/
www.napolilavaporcellanaemusica.it