Che musica, ragazzi. Otto bande formate nelle parrocchie e nei centri educativi dei quartieri di Napoli protagoniste alla festa del cardinale Crescenzio Sepe domani, venerdì 2 giugno, al Duomo, alle 18.
Il concerto Che musica, ragazzi (con la direzione artistica di Eugenio Ottieri, è realizzato nell’ambito del progetto della Regione Campania “Musica nei luoghi sacri” (fondi POC 2014-2020) e della sezione formativa “Canta, suona e cammina”, a cura della Scabec e della Fondazione Fare Chiesa e Città.
L’evento è coordinato dalla giornalista Simonetta De Chiara Ruffo. Si comincia con i ragazzi di Santa Maria del Popolo di Torre del Greco e Ercolano, del centro educativo Bartolo Longo del Santuario della Beata Vergine di Pompei, di San Michele Arcangelo a Salicelle di Afragola, do Santa Caterina a Formiello a Porta Capuana, di Santa Maria della Misericordia a Porta Grande di Capodimonte, di Maria Santissima del Buon Rimedio a  Scampia, di Santa Lucia a Mare al Pallonetto di Santa Lucia.
Chiude la prima parte del concerto la banda dell’Istituto Povere Figlie della Visitazione di Maria del quartiere Barra. La manifestazione si chiuderà sul sagrato e sulle scale del complesso monumentale Donnaregina con  tutte le bande musicali di Canta, suona e cammina.
E al San Carlo, invece,  torna per il terzo anno consecutivo con Aida di Giuseppe Verdi il progetto Scuola InCanto ideato dall’associazione Europa InCanto.  39 le recite  e circa 4 spettacoli al giorno che hanno visto e vedranno esibirsi sul palco del San Carlo fino a mercoledì 6 giugno bambini e ragazzi della scuola dell’infanzia, della primaria e della secondaria di I grado.
Scuola InCanto è un progetto didattico di avvicinamento alla lirica pensato per gli allievi e gli insegnanti della scuola dell’obbligo con lo scopo di diffondere la conoscenza e l’amore per la musica, l’opera e il teatro in generale. 130 sono per quest’anno scuole iscritte al progetto provenienti da Campania, Lazio e Molise con circa 14.500 persone coinvolte, tra docenti e studenti. Con spettacolo finale  seguito dalle famiglie. Così l’arte della musica educa alla vita.

Qui sopra, uno scatto di Stefano Costa rirpende il progetto al San Carlo. In alto, una delle bande dei ragazzini
Qui sopra, uno scatto di Stefano Costa riprende il progetto al San Carlo. In alto, una delle bande dei ragazzini

Per saperne di più
 www.cantasuonacammina.it
www.teatatrosancarlo.it