Carditello canta Napoli. Dal 15 febbraio al 28 marzo, alla Fondazione Real Sito di Carditello. Un percorso storico e musicale che abbraccia epoche e stili diversi, integrando le visite serali e ampliando la proposta culturale del luogo.
Quattro appuntamenti dedicati alla musica di Napoli e della Campania – dal jazz al pop e dallo swing all’etnofolk – nell’ambito del programma Carditello Spring che si concluderà a maggio. Si parte sabato (dalle ore 20, biglietto euro 12) con “Parthenoplay”: in scena la cantante Marina Bruno, al suo quarto disco da solista e già protagonista del capolavoro di Roberto De Simone “La Gatta Cenerentola”.
Sarà affiancata dal suo quintetto, formato da Giuseppe Di Capua (arrangiamenti e piano), Gianfranco Campagnoli (tromba e flicorno), Aldo Vigorito (contrabasso), Peppe La Pusata (batteria) e presenterà brani dal suo ultimo cd, tributo alla canzone napoletana ed ai suoi grandi autori: da Viviani, Bovio, Nicolardi, Denza, E. A. Mario, a Renato Carosone e Pino Daniele.
Si prosegue sabato 29 febbraio con Monica Sarnelli e la sua “Napoli@colori”, titolo sia del live che di un’imponente produzione discografica (4 album e 68 canzoni).  Sabato 14 marzo tocca ai Caponi Brothers, gruppo rivelazione del 2019.
Sonorità jazz con una spiccata predilezione per maestri come Renato Carosone e Fred Buscaglione, capaci di tradurre in musica buonumore e ironia.
Gran finale, sabato 28 marzo, con la prima nazionale di “Mille volte meglio briganti” di Mimmo Maglionico e i PietrArsa, realtà consolidata della world music internazionale. Un repertorio che attraversa anche in chiave storica la tradizione musicale popolare e contadina della nostra regione.
Visita accompagnata al sito (ore 20) e parcheggio incluso nel costo del biglietto.
Per saperne di più
Fondazione Real Sito di Carditello tel. +39 3396861632
www.fondazionecarditello.org
 sgreteria@fondazionecarditello.org,
Real Sito di Carditello, via Carditello, 81050
San Tammaro (Caserta)
Nella foto, tutti i protagonisti della rassegna