Parte per la prima volta in Campania la stagione unicamente dedicata agli spettacoli di danza 2019/2020, riuniti in un unico cartellone. Un progetto presentato da Sistema MeD, Musica e Danza, a piazza del Gesù, tra tradizione e innovazione.
Nell’atmosfera della sede dell’Agis di Napoli, luogo che porta avanti l’ambiziosa ma concreta sfida di tutelare, trattare e risolvere i problemi che si possono creare in seno all’organizzazione degli spettacoli, lo ha illustrato  Gabriella Stazio, presidente dell’associazione.
L’idea di creare una rete di spettacoli dedicati alla danza nasce da un’esigenza fortemente sentita da tutte le compagnie della campania di curare con maggiore attenzione l’organizzazione e la comunicazione tra le singole compagnie di danza e gli operatori teatrali.
Essere uniti è una necessità, così come il dialogo e il supporto tra le singole parti.
Dal passato infatti si impara che la settorialità ha portato soltanto a molta fragilità. Invece tramite la cooperazione tra le varie scuole si vuole cercare di dare la possibilità sia ai ballerini che al pubblico di avere modo di poter godere della danza, di creare un ambiente innovativo e sempre prolifero.
La danza in passato è andata contro tendenza per poter far sentire la propria voce e lottare contro il disinteresse che si andava a creare nei confronti di questa arte.
Il progetto di Sistema MeD invece guarda al futuro, ne vuole far parte e lo abbraccia, diventa un promotore importante di nuove possibilità nel campo dello spettacolo in un ambiente così prolifero come quello della regione Campania, la quale vanta sia molte compagnie storiche sia nuove realtà in nascita e in sviluppo.
Tra i numerosi appuntamenti  “Respiro”, in programma il 19 ottobre alle 20:30 al Teatro Area Nord. Coreografia di Laura Odierna e Salvatore Romania, accompagnata dalle musiche di Philip Glass. “Mittelmeer” (foto), con due date il 19 e il 20 ottobre al Teatro Nuovo, con la coreografia curata da Susanne Linke.
“Kurup”, lo spettacolo vincitore del contest di danza contemporanea “New Dance Generation”, in scena al Teatro Area Nord il 20 ottobre. Coreografia di Nicolas Grimaldi Capitello. “La Sposa”, 25 ottobre al Teatro del 63, coreografia curata da Elena D’Aguanno. Infine, “I fazzoletti di tutti gli addii”, a cura della compagnia Körper, dal 25 al 27 ottobre alla  Sala Assoli.
©Riproduzione riservata
Per saperne di più
sistemamedcampania.it 
 coordinamento@sistemamedcampania.it