Radio Marte/Edoardo Bennato presenta il nuovo album “Non c’è”. Il manifesto della realtà

0
205

Edoardo Bennato presenta il nuovo album “Non c’è”, in diretta su Radio Marte e Radio Marte Tv. Appuntamento venerdì 4 dicembre dalle 22 a mezzanotte, in contemporanea radio, app, social e tv (ch 655) del gruppo Radio Marte.
Condotto da Gigio Rosa, l’evento ospiterà un vero e proprio mini-live del cantautore napoletano, accompagnato dal chitarrista Gennaro Porcelli, e numerosi collegamenti con ascoltatori e amici. Sarà possibile inviare messaggi e domande per Edo attraverso il numero whatsapp 3396669990 o tramite il numero 081636363.
Il nuovo album per la Sony Music (Legacy Recordings),  
I pensato e realizzato a Napoli, è disponibile da venerdì 20 novembre nei digital store e pubblicato su cd e su doppio vinile. Venti tracce nella versione compact disc e ventitré in quella LP.  Otto i brani inediti.
 In “Non c’è” sono forti le due anime rock dell’artista: la versione della “prima ora” e quella strettamente attuale. L’artista canta le contraddizioni della società, il “mistero della Pubblica Istruzione”, l’universo femminile – sempre presente nella sua letteratura. La sua ironia è attualizzata e esasperata fino al paradosso.
 “Non c’è” si sfoglia come un quotidiano e si legge come il manifesto della realtà. Frasi come “Salviamo il salvabile” e “Una di notte c’è il coprifuoco” rimbalzano dalle prime pagine e nei titoli dei TG diventando le “cantilene” di questi giorni; cosi tanti altri ritornelli di canzoni vecchie e nuove di questo album. 
Ecco un assaggio dei testi: “Signore e signori fidatevi di me perché io sto parlando nel vostro esclusivo interesse” (“Signore e signori”); “E chi è che ci trova la soluzione del mistero della pubblica istruzione” (“Il mistero della pubblica istruzione”); “Mascherate nelle piazze, nelle feste comandate, tutti quanti in fila indiana, tutti pronti a ballare” (“Maskerate”); “La realtà è tutta da rifare, è la vita che non si può fermare” (“La realtà”); “Su bambini fate i bravi e non dite le bugie se no arriva l’uomo nero” (“L’uomo nero”); “La nostra è diventata terra di frontiera, e tra quest’Africa che si avvicina e tra quest’ Asia che si avvelena, tu sola, che non ti fai suggestionare e segui il ritmo della luna, tu sola ancora mi fai sperare” (“Geniale”).
Nel disco, anche i featuring di artisti che hanno stili diversi tra loro, unici, non sono affatto casuali: il fratello Eugenio per La realtà non può essere questa (scritto a quattro mani e presentato durante il lockdown dello scorso marzo). Morgan canta e suona il pianoforte nel nuovo “rockabilly” di Perché; infine, il flow targato Clementino, nella traccia L’Uomo Nero
Bennato ha lavorato con l’affiatata band che è con lui da anni per un gran gioco di squadra: Raffaele Lopez (pianoforte, organo Hammond, sintetizzatori, programmazioni), Giuseppe Scarpato (chitarre elettriche, chitarre acustiche, drums programming), Gennaro Porcelli (chitarre elettriche, chitarre acustiche, armonica), Arduino Lopez (basso).
In foto, la locandina dell’evento

 

 

 


RISPONDI