Totò moriva 54 anni fa. Il 15 aprile 1967. E Napoli dal 1996 aspetta il museo dedicato al principe della risata (foto). Una storia di annunci da parte del comune di Napoli che sono rimasti sospesi nell’oblio. A porre di nuove la questione della riapertura è il gruppo Noi amiamo Totò fondato da Gennaro Capodanno su Facebook con oltre 600 iscritti.
La sede prescelta è Palazzo dello Spagnuolo (secondo e terzo piano) in via Vergini, nel rione Sanità dove nacque Antonio de Curtis (in via Santa Maria Antesaecula, a poca distanza) ma sono sempre sopraggiunti ostacoli, tra cui quello della installazione dell’ascensore, che sembrerebbe risolto grazie a un finanziamento ad hoc.
Spiega Capodanno:«Nel mese di febbraio del 2020, , in occasione di una visita a Pompei, il ministro Franceschini annunciò l’impegno dello Stato per l’apertura del museo dedicato al grande artista partenopeo, rendendo disponibili le risorse necessarie. Ma a tutt’oggi quell’impegno non si è di fatto ancora tradotto in fatti concreti. Speriamo che in occasione di quest’ennesimo anniversario, si voglia fare finalmente luce sull’intera vicenda, fissando i tempi per l’inaugurazione dell’atteso museo».

.

.

RISPONDI