Una settimana di selvaggia bellezza a Maratea. Dal 6 all’12 agosto torna la festa della cultura curata da  Liberi Libri e MiNa vagante (di Alessandra e Piera Cusani): letteratura, musica, tradizioni, reading, passeggiate e degustazioni alla scoperta di un paesaggio unico e ricco di bellezza naturale e artistica. Una iniziativa promossa dalla Regione Basilicata, da Apt Basilicata e patrocinato dal Comune di Maratea, che, alla sua seconda edizione, riceve il prestigioso marchio anno europeo del patrimonio culturale 2018.
Tra i protagonisti di questo immersione totale in tradizione, memoria e recupero del patrimonio culturale : Gaetano Cappelli, Nicola de Blasi, Gabriele Frasca, Antonio Monda, Tony Laudadio, Maurizio de Giovanni, Nicozazo, Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro.
Nel ricco cartellone di incontri, segnaliamo tra gli altri, martedì 7 agosto, nella piazzetta dietro la Rancia, la
 serata speciale (21.30),  dedicata a cibo, psicologia, arte e letteratura con Oscar Nicolaus e Carla Viparelli (l’artista napoletana è una habituée del centro lucano, dove  trascorre buona parte dell’anno) partendo dal libro “Tra vita e girovita. La Minestra maritata, il merluzzo di colombo ed altre storie di cibo e affetti” (Colonnese editore, 2018).
Un evento insolito, che accomuna saperi e stili diversi, accompagnato da proiezioni, letture e da una gustosa sorpresa culinaria, ispirata al libro, sapientemente preparata dallo chef Luciano Russo della Taverna di Zu Cicco.

In ricordo dello psichiatra e psicoterapeuta Nello Viparelli: il libro raccoglie diversi contributi di una particolare orchestra formata da psichiatri, biologi, psicologi, sociologi, antropologi ma anche chef e dirigenti dell’industria alimentare che s’interroga su l’uso e l’abuso del cibo, il piacere di nutrire sé e gli altri e su come “l’arte culinaria” sia ritornata oggi protagonista.
Il gran finale  sarà suggellato dalla 
tradizionale passeggiata all’eremo della Madonna della Pietà, domenica 12 agosto: un’escursione  con reading al tramonto. Voce di Marialuisa Firpo e sax di Maurizio Manvati, a cura di Angelo Licasale, Associazione Pleiades. Si parte alle 18   da BilùLibri nel centro storico della splendida località lucana (corso Garibaldi 18, foto). Una carezza benefica all’anima troppo spesso assalita dall’orrore del quotidiano.

 

.