Storie di pietròfori e rasomanti, la mostra fotografica di Elisa Sighicelli curata da Denise Maria Pagano, sarà inaugurata al Museo Pignatelli mercoledì 29 maggio, a partire dalle 18.
Costituita da trentacinque opere quasi interamente realizzate ad hoc per questa esposizione, è promossa dal Polo Museale della Campania diretto da Anna Imponente e da Incontri Internazionali d’Arte.
L’artista Elisa Sighicelli, classe 1968, è nata a Torino e ha studiato arte a Londra, città in cui ha vissuto per ben diciassette anni. Ora lavora tra Torino e New York ed ha esposto, con mostre personali, a Londra, Los Angeles, New York e Ginevra. Ha preso parte a mostre, sia personali che collettive, in prestigiosi musei italiani e internazionali, tra essi, solo per citarne alcuni, Palazzo Fortuny, il MAMbo, il Mart, il MAXXI, il National Museum of Women in the Arts di Washington D.C e l’Herzliya Museum of Modern Art.


A Napoli Elisa Sighicelli espone a Villa Pignatelli, uno dei pochi esempi presenti in città di casa-museo, diretta proprio da Denise Maria Pagano, curatrice della mostra. Da diversi anni si propone al pubblico anche come Casa della Fotografia, a questa attività sono destinati gli ambienti del primo piano, riservati alla presentazione di mostre internazionali, monografiche o collettive. L’obiettivo è quello di favorire il confronto e il dibattito sulla fotografia come espressione culturale, promuovendone la riscoperta e favorendo la conoscenza degli autori contemporanei di fama internazionale.
Storie di Pietròfori e Rasomanti prevede trentacinque opere, distribuite in otto sale. Hanno tutte un denominatore comune, la fotografia è, in questo caso, prima di tutto un materiale e non solo medium. Il supporto per la stampa è decisamente insolito, la carta fotografica viene sostituita dal raso, dal vetro, dal marmo e dal travertino, tutto studiato nei minimi dettagli per rendere al meglio la materia del soggetto catturato dall’obiettivo fotografico.
Vengono esposte immagini che ritraggono il “lato fisico” di una parte considerevole della storia dell’arte napoletana, molte foto inquadrano dettagli di Villa Pignatelli e della sua collezione ma è possibile riconoscere nei dettagli anche il Museo Archeologico, Villa Floridiana e la chiesa del Gesù Nuovo.
L’artista racconta: «Nelle fotografie di Villa Pignatelli ho focalizzato la mia attenzione su alcuni dettagli della collezione del Museo e della decorazione interna della Villa. Ma c’è anche una fuga verso l’esterno, aldilà delle mura dell’edificio, con forme e materiali provenienti dal mondo dell’estetica classica, romana e rinascimentale: una delle chiavi di lettura del mio lavoro è infatti la corrispondenza tra il soggetto delle fotografie e il supporto su cui sono stampate. In un mondo contemporaneo di immagini virtuali, mi interessa restituire la composita tattilità delle immagini e la loro tangibilità in uno spazio reale».
La mostra, decisamente ricca di spunti e suggestioni materiche, è capace di parlare a tutti, non è necessario essere esperti d’arte o di fotografia per poter apprezzare il fascino di queste immagini.
 © Riproduzione riservata
Nella pagina, alcuni scatti della mostra

 

Per saperne di più
Elisa Sighicelli Storie di Pietròfori e Rasomanti
30 Maggio – 22 Settembre 2019
Museo Pignatelli – Riviera di Chiaia, 200 Napoli
tel. +39 081 669675
pm-cam.pignatelli@beniculturali.it
facebook.com/villapignatellicasadellafotografia
Orario: 10.00 – 17.00 (ultimo ingresso ore 16) – martedì chiuso
Ingresso 5 euro