Napoli ha un’anima  jazz grazie  all’associazione culturale Live Tones, presieduta da Alberto Bruno. Che anche  domani propone un appuntamento imperdibile alla Casina  pompeiana della villa comunale di Napoli, alle 21.30.  Divergent Meetings: Luca Aquino, Antonio Jasevoli, Mauro Smith, evento in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Napoli.
Il trio propone una visione dinamica e in apparenza divergente della musica interpretata. Il confronto incessante tra digitale e analogico, tra elettronico e acustico, tra accelerazioni e pause, tra consonanze e dissonanze, sposta progressivamente l’ascoltatore dal punto di partenza percepito in direzioni, solo a prima vista, in contrasto tra loro.
Virtuosismi bruschi e repentini intrecciano dialoghi con piani armonici digitali; melodie liriche si sovrappongono a trame fitte di loop elettroacustici, in un continuo confronto tra i mondi culturali – solo nella consuetudine – divergenti del jazz, del rock, del folk, dell’elettronica.
I protagonisti. Luca Aquino, alla tromba, tra i musicisti jazz italiani più apprezzati nel panorama internazionale, inizia a suonare all’età di diciannove anni da autodidatta. Antonio Jasevoli, chitarra elettrica: uno dei più interessanti chitarristi della scena contemporanea. Stile molto personale, il suo, sintesi risultante di una formazione eterogenea sviluppata, nel corso degli anni, con la frequentazione di molteplici ambiti musicali e chitarristici. Mauro Smith, batteria virtuale. Musicista, architetto e artista visivo. Nasce artisticamente nel 1993 con Vito Ranucci, Luca Urciuolo e Francesco Motta, quando dà vita ai Neroitalia. Nel 2017, a venti anni dalle registrazioni di Distanze, è prevista la pubblicazione di un nuovo lavoro discografico del gruppo.
Info: 3389941559 – 335487053
Per partecipare all’evento è consigliata la prenotazione inviando una mail all’ indirizzo

ornella_falco@yahoo.it

segnalando numero partecipanti e cellulare