L’estate sorride all’arte tra spettacoli e workshop, per vivere in clima festoso l’edizione 2015 del Flussi media arts festival. Dal 26 al 30 agosto 2015 il Teatro Carlo Gesualdo di Casina del Principe, in pieno territorio avellinese, diventa scenario della settima edizione di un festival internazionale di arti mediali, promosso e organizzato dall’associazione culturale Magnitudo, con il supporto di Prohelvetia, Mondriaan Fund, Goethe Institut e del Forum Austriaco di Cultura.
Il format del festival si tiene fedele alla proposta che ha portato con successo alla conclusione delle ultime due edizioni, con tre differenti palchi su cui si avvicenderanno tanti nazionali ed internazionali il Theater stage, grande palco del Teatro Carlo Gesualdo per i concerti indoor; il Main stage, disposto sulla terrazza panoramica del teatro e l’Esp stage, il palco della Casina del Principe attrezzato con impianto quadrifonico e dedicato alla sperimentazione creativa.
Ad arricchire l’evento concerti live, dj set, installazioni, videomapping, workshop e conferenze, per cinque giorni incandescenti di arte e musica. Il concept della VII edizione è Realityvism, ovvero un’analisi critica sulla digitalizzazione che sta di fatto cambiando il nostro modo di percepire la realt  e i rapporti sociali, creando un vero gap tra la percezione di se stessi in rete e la personalit  effettiva calata nell’esperienza del vivere reale. La cura non è certo arretrare il passo m trovare un modo per portare la rete nella realt .
I WORKSHOP
VoiceLab a cura di Ute Wassermann
Blender e grafica per la stampa 3D a cura di Alan Zirpoli
Introduzione alla realt  virtuale a cura di Roberto Fazio
Wearable microcontrollers per live performance a cura di Carmine de Rosa
I PERFORMER
Herman Kolgen, Samuel Kerridge, Janek Schaefer, John Duncan, Dave Phillips, Edwin van der Heide, Leafcutter John, John Chantler + Stefano Tedesco, Erikm, Mia Zabelka, Ute Wassermann, Michael Vorfeld, Jealousy Party, Alessandra Eramo, Retina.it, Ossatura, Flo Kaufmann, Gondwana, Toktek, Giulio Aldinucci, Petit Singe, Andrzej Zaleski.
La performance di Herman Kolgen è gratuita ed è prodotta in collaborazione con il festival Laceno d’Oro
Il calendario degli appuntamenti è completato da altri due eventi speciali, entrambi previsti per domenica, sul palco della Casina del Principe Conduction, a cura di Elio Martusciello, che diriger  un ensemble aperto composto da musicisti professionisti e persone con disabilit ; VoiceLab Performance, momento conclusivo del laboratorio sull’uso della voce, a cura di Ute Wassermann, con la partecipazione degli allievi del workshop.
A sostegno economico di tutto il festival è stata realizzata un’azione di crowdfunding, attraverso la piattaforma Indiegogo.

Per saperne di più sul progetto e su come aderire

www.indiegogo.com/projects/flussi-media-arts-festival-2015-realityvism#/story

www.flussi.eu

In foto, protagonisti del Flussi