Nata storia d’amore è stata cu nu pescecane camorrista… e che passaje io, povera pescia. Isse era spusato cu’ na pescia murena…na vrenzola…’na zezzosa volgare.
Je me truvaie miez’ a sta guerra ‘e clan.
Nu’ brutte juorne a isse o sparajene inte ‘e tonsille. Doppo dieci juorne facettene e funerale e io logicamente… c e jette, me pittaie tutta nera, coda zizze capille persino o russette nire.
‘A mugliere appena me vedette facette arruvut … je curreve annanze e ‘nu corteo e pesci arrete a me. Sardine. Fravaglie, alici, treglie persino ‘na balena. Insomma se mbracaie a vuscia….e ‘o carro do’ muorte se ne jette solo isso.
E tutte quand appriesse a me ca me n’sultavano ” Luogaimmonda! Lumagiorna! Prostituziona!" e altri termini chine e volgarit .
Riusciette a scapp  … manco ‘a cunsolazione ‘e gh cocche vota ‘o cimitero. E chi se permette, nun sia mai n’contro a chella… a coda mia coda mia… è meglio ca me sto zitta.
Mannaggia cca e mannaggia l .
< br>
*Imprenditore, scrittore, autore di teatro, regista