Continua il viaggio di Alessandro Chetta nella sua mappa madre, Eutopia. Un nome composto da eu, buono e topia, il luogo che non c’è. Esiste, tuttavia, nel suo universo creativo, in un immaginario felice dove questa volta c’è posto per “Itaca” (particolare in foto). Opera, tra altre sette, con la tecnica del collage, realizzata pensando alle donne  migranti che affrontano il Mediterraneo in un viaggio carico di insidie, per fuggire da una terra avara di promesse e toccare il suolo europeo in cerca di futuro e di una nuova casa. Così lo scaltro Ulisse viene sostituito dalla saggia e materna Penelope.
Classe 1977, l’artista napoletano,  videomaker e giornalista, presenta questa volta la sua EutopiaRoad to nowhere al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo via Ponte di Tappia, 25 ( tel.+ 39 081 7970264 | +39 3334765246) che continua a proporre interessanti protagonisti del contemporaneo e a porsi come propulsore di iniziative culturali collegate alla realtà, in pieno centro cittadino.
Libero l’ingresso alla mostra che s’inaugura giovedì primo marzo alle 18 e sarà allestita fino al 18 marzo. Un’ occasione per entrare nel pianeta cartaceo di Chetta dove il Vesuvio non dista molto dai Vulcani d’Islanda e percorrere tappe sorprendenti di lucide visioni.
Road to Nowhere di Alessandro Chetta, ha il patrocinio morale del Comune di Napoli e del Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania e fa parte della rassegna Marzo Donna 2018 – Lazzare Felici: la creatività delle donne per una città sostenibile. parteciperà al vernissage All’inaugurazione, giovedì 1 marzo ore 18, Simonetta Marino, delegata alle pari opportunità del Comune di Napoli.
Tra le sue personali, “Tronisti” con Silvana Scarati al Museo archeologico di Napoli  e “Passepartout” alla Evaluna artgallery. Mentre la sua Eutopia è già  passata anche per la galleria Serio.
Renaissance Naples Hotel Mediterraneo 
Napoli – via Ponte di Tappia, 25
Alessandro Chetta
Eutopia- Road to Nowhere
(ingresso gratuito dal 1 al 18 marzo)