In occasione del ciclo “Tempo imperfetto” curato da Antonello Tolve e Stefania Zuliani, mercoled 10 settembre sar  inaugurata la mostra dell’artista Gian Maria Tosatti intitolata “Per un museo della polvere”. L’evento, il quarto dei cinque appuntamenti previsti durante la manifestazione, sar  presentato alle 18 negli spazi del Museo Archeologico Provinciale di Salerno, dove sar  visitabile fino a venerd 10 ottobre. L’artista romano sar  coinvolto in una conversazione critica dedicata alla sua ricerca e alle ragioni che hanno guidato la realizzazione del progetto realizzato per il Museo Archeologico Provinciale.

L’evento, a cura della Fondazione Filiberto Menna Centro Studi d’Arte Contemporanea, e in collaborazione con la Provincia di Salerno e con il Comune di Salerno, ospita uno studio temporalmente vastissimo che spazia tra l’architettura del presente e la nostalgia del futuro. Il lavoro dell’autore parte da un discorso orientato a decifrare e a condensare in reliquia la contemporaneit . Allacciandosi a “La Peste”, primo step del ciclo espositivo “Sette Stagioni dello Spirito”, a cura di Eugenio Viola e tenutosi nella zona dei Banchi Nuovi a Napoli, Tosatti propone a Salerno un lavoro che, scrivono i curatori, «se da una parte mostra una solida passione del reale, dall’altra tende a creare storia con gli stessi detriti della storia».
Cos invece l’artista, specializzato nel campo performativo, commenta il titolo della manifestazione «La polvere è un elemento con cui mi trovo sempre a fare i conti, perch è ciò che conserva, come una coltre, i luoghi dimenticati che, come lo Stalker di olTarkovskij, vado a riattivare con la mia presenza in quanto artista. l’elemento attraverso cui si scrive una storia, è l’elemento che definisce spesso una grandezza temporale e il suo contenuto in termini storici, o meglio, in termini di Storia e di storie. Saper districare le trame di questo romanzo è ciò che ho fatto e, in fondo, è quel che faccio ogni volta».

“Tempo Imperfetto. Sguardi presenti sul Museo Archeologico Provinciale di Salerno” il titolo integrale scelto per il ciclo di mostre che, realizzato in collaborazione con la Provincia d il Comune di Salerno è in programma da maggio fino a novembre 2014 negli spazi prestigiosi del Museo Archeologico Provinciale, uno dei luoghi più densi e carichi di significato del centro storico di Salerno. Il progetto propone lavori inediti di cinque artisti italiani di respiro internazionale, come Elena Bellantoni, Fabrizio Cotognini, Giulia Palombino, Gian Maria Tosatti e l’ultimo Ivano Troisi, in programmazione da mercoled 15 ottobre a sabato 15 novembre 2014.

In foto, un’opera dell’artista

Fino al 10 ottobre 2014 (tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 19.30, luned escluso). Per saperne di più
www.museibiblioteche.provincia.salerno.it