Continua la stagione espositiva di “Intragallery”, spazio espositivo napoletano in via Cavallerizza a Chiaia, che si propone di promuovere le energie che l’arte riesce a generare, ospitando artisti emergenti campani e personalit  internazionali. Mercoled 11 marzo, dalle 18.00 alle 22.00, verr  inaugurata la mostra “Unexpected Beauty”, personale di Michele Attianese (fino al 22 aprile). I dipinti a olio su carta e le ceramiche dell’artista raccontano un mondo di periferia dove accanto alle nostre complesse, monumentali citt , le periferie vivono, si animano e si trasformano secondo codici propri, fuori dagli schemi classici e da logiche urbanistiche, generando paesaggi diversi e mostrando frammenti di citt  di una bellezza inaspettata ma dirompente.
Attianese, nato nel 1976 a Castellamare di Stabia, è un nome gi  noto all’arte contemporanea. L’artista, tra le varie mostre realizzate, vanta una collaborazione con l’associazione umanitaria Emergency con cui ha realizzato un progetto di pittura e illustrazione introducendo nella propria ricerca personale temi solidamente legati al mondo umanitario e all’accoglienza al diverso. Tra le sue ultime fatiche di rilievo è la collaborazione con Enzo Avitabile, da cui è invitato a dare veste al progetto musicale “Black Tarantella”, realizzando un disco con una forte impronta pittorica e con una estetica sperimentale.b> Con i paesaggi architettonici di Attianese verr  presentato in esclusiva l’innovativo design dell’architetto Mario Coppola, prima sua personale sperimentazione dopo una lunga esperienza lavorativa allo studio di Zaha Hadid di Londra. Gli oggetti sono realizzati attraverso tecnologie innovative e sostenibili, tra cui la stampa 3D con materiali riciclabili al 100% e la lavorazione di lastre metalliche sottili tagliate con macchine a controllo numerico tramite unrolling di superfici tridimensionali complesse. I prodotti sono direttamente ispirati ai caratteri di continuit , molteplicit , dinamismo e leggerezza del mondo contemporaneo e propongono un design ecologico ispirato alla forma e al cinematismo del corpo umano e delle strutture naturali.
La produzione è interamente Made in Italy e si basa sulla sinergia tra tecnologie innovative e l’esperienza dei migliori artigiani napoletani, molti dei quali residenti e operanti nella terra dei fuochi, custodi di una manualit  d’eccezione. In questo modo si ottiene una produzione ibrida, in cui il processo industriale si sposa con l’artigianato dando vita a prodotti unici e imperfetti come gli organismi viventi. L’intero lavoro sar  raccolto in una pubblicazione, arricchita da un testo critico sulla periferia, dal punto di vista architettonico, redatto dal gruppo G124 costituito da un team di architetti, coordinati dall’architetto internazionale Renzo Piano. La mostra verr  presentata parallelamente, con lavori diversi, anche a Milano, in corrispondenza temporale del MIA, del Miart, e durante la Design Week, presso la “Lacs Apartment Home Gallery”, in Via Statuto 13. Trasformando il modo di vedere la citt , cos da modificarla anche nella realt .

Per saperne di più
www.intragallery.it

Nella foto, la locandina della mostra