Marzo, il mese delle donne. Anche se delle donne si dovrebbe parlare sempre. Di come  vengono discriminate ancora sul lavoro, anche nel “civilissimo Occidente”. Di come il potere sia allergico nei loro confronti, tanto che anche negli Stati Uniti il conservatore Trump ha avuto la meglio sulla democratica Hillary, segnalata come espressione  della  politica  corrotta.
E su questa esigenza di riequilibrio di genere punta la mostra “Naples#HeforShe” della fotografa freelance Eliana Esposito. L’evento gode del patrocinio del Comune di Napoli ed è inserito negli appuntamenti di “Marzo Donna 2017 Una rete di Opportunità”.
Tra i personaggi fotografati, molti dei quali saranno presenti al vernissage  di giovedì 2 marzo (al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo di via Ponte di Tappia 25- Tel: +39 (0)81 7970264| 3334765246 Napoli, ore 18, ingresso gratuito), Lello Esposito, Maurizio de Giovanni, Patrizio Oliva, Luigi de Magistris, Bianca Valentino, Enrico Ruggeri, Erri De Luca, Giuliana Cacciapuoti, Antonio Siciliano, Alfredo Pagano, Salvatore Naldi, Marisa Del Vecchio, Silvio Perrella, Lello Carlino, Gianni Maddaloni.
Imprenditori, artisti, sportivi, studiosi, scrittori, tutti accomunati dalla piena condivisione del progetto di uguaglianza di uguaglianza,  solidarietà, impegno civile. Contro violenza e abusi.
La fotografa napoletana ha voluto creare attraverso gli scatti un ponte tra Italia e Stati Uniti, tra Napoli e New York. Il movimento di solidarietà in favore delle donne è nato nel 2014 in America, dall’attrice Emma Watson, ed è stato accolto anche dalle Nazioni Unite.
In foto, la studiosa Giuliana Cacciapuoti