Dolci nuvole danzanti in un ritmo preciso e puntuale che non lascia spazio a sfasature e a fuori tempo, questa è l’immagine che a prima vista, colpisce il folto pubblico che domenica sera ha assistito alle coreografie del Balletto Nazione di Cuba al Teatro San Carlo, diretto da Alicia Alonso grande ballerina e coreografa cubana, che debuttò al San Carlo nel 1953.
Una icona della danza che ha unito l’impegno civile e culturale per la sua terra, con l’arte e la passione per la danza che nella sua lunga e brillante carriera artistica hanno rappresentato un unicum indistinto. La musica di Fryderyk Chopin ha accompagnato il primo balletto della serata “Le Silfidi” definito un “reverie romantique”. Una coreografia, che attraverso celebri passi di danza, dalla Mazurka al pas de deux finale, stralcia un susseguirsi di tableau vivant tutti bellissimi e di grande enfasi coreografica. Diversa l’ambientazione dell'”Elegia per un giovane in memoria di Fabio Di Celmo”, su musiche di Vivaldi. Il balletto è ispirato ad un episodio di cronaca nera accaduto in tempi abbastanza recenti. Era il 1997 quando un giovane italiano perse la vita. In questa coreografia Alicia ha manifestato tutta la volont  di non dimenticare un momento triste della storia della sua Cuba. Luogo tanto incantevole, ma altrettanto travagliato. Ultima coreografia della serata è “Didone Abbandonata” con la rivisitazione di Gasparo Angiolini. Bravissimi Josè Losada e Viengsay Valdès, prima ballerina. Da segnalare le belle scene di Salvador Fern ndez. Il Festival della Danza è stata un’intuizione davvero di grande interesse che ha dato alla danza lo spazio meritato, quello spazio che da tempo desideravamo che avesse.
Il Balletto di Cuba replica stasera e domani, serata conclusiva di tutta la rassegna. Nel pomeriggio di oggi Alicia Alonso incontrer  amici e appassionati di danza al teatro San Carlo alle ore 17.30; una fantastica occasione per toccare con mano chi ha dedicato la sua vita alla danza, investendo energie che hanno dato sicuramente risultati eccellenti.

Nelle foto, il balletto di Cuba al San Carlo e (in basso) Alicia Alonso sul palco negli anni ’50