Napoli ricorda Gianni Rodari, mago della letteratura per l’infanzia (foto), in occasione del centenario della nascita. Dalla città innumerevoli gli omaggi al poeta e scrittore di Omegna. 
Tonino Stornaiuolo, insegnante della Scuola internazionale “Dalla parte dei bambini” è riuscito a fare lezione con gli studenti “in presenza”, passando sotto i balconi, i palazzi, le strade, le case di ognuno di loro e le sue immagini hanno fatto il giro del web.
Ha letto “Teledramma” e “La fuga di Pulcinella”, due testi di Rodari che hanno come tema la libertà. Al teatro Sancarluccio è andata in scena “Gianni Rodari: una intuizione Fantastica”. E sui tetti delle scuole di Napoli cento bambini hanno cantato “Il cielo di Tutti”, con l’artista Bungaro (che ha scritto la canzone con Fiorella Mannoia) e il compositore Antonio Fresa.
Adesso è la cooperativa Eco che Onlus a dedicargli un’iniziativa con la rubrica #ViRacconto una #Fiaba. Dove inserisce pillole di fantasia per salvare i bambini tratte dal mondo letterario di Rodari: “Il palazzo da rompere” e “Martino Testadura”.
Spiega la presidente della cooperativa Sofia Flaùto: «Nel corso di quest’anno, in un momento critico per tutti, in cui è stato fortemente necessario sentirsi più vicini, nasce sul nostro canale Youtube, una rubrica interamente dedicata ai più piccoli: con precisione al momento della storia – Ascoltare storie ha sempre affascinato e raccolto bambini intorno ai valori della vita. Distrarre con un giusto strumento pedagogico, imparare a pensare e riflettere divertendosi è po’ la magia e il senso d’esistenza delle fiabe. Pertanto con la nostra Martina, che recita fiabe abbiamo messo a disposizione di tutti il #ViRacconto una #Fiaba».
Tra le opere inserite nella rubrica, anche “La sposa che viveva di vento” e “Il mercante Ismaelita” di Italo Calvino, “Il nano Tremotino” e “Cric e Croc” dei Fratelli Grimm, “I desideri ridicoli” di Charles Perrault, “Le quattro stagioni” di Elisabetta Jankovic.


GUARDA LE DUE VIDEOSTORIE

RISPONDI