Ossigena l’arte e si nutre di fotografia. L’imprenditore napoletano Nando Calabrese ha cominciato a scattare immagini sin da bambino e non ha mai smesso. Aggiornandosi sulle tecniche fotografiche e caricando di emozioni tutti i suoi scatti. Ha appena offerto lo sponsor della propria azienda farmaceutica GCO alla mostra “Mutandis” promossa al Pan dall’Associazione TempoLibero (guidata da Clorinda Irace) dal 18 dicembre 2015 al 3 gennaio 2016 per la pubblicazione di un bel calendario da scrivania intitolato, appunto “Ossigeno per l’arte”. E domenica 10 gennaio vola a Parigi per la collettiva “Pareti ad arte n.3” (vernissage ore 10, aperta fino al 24 gennaio), terzo atto di una iniziativa curata da Tiziana Gelsomino (affiancata da due autori come Fabio Donato e Carmine Rezzuti) che crea un ponte culturale tra Napoli e la capitale francese grazie alla galleria Serrao, attiva nello spazio partenopeo di piazza San pasquale a Chiaia, ma anche oltralpe, in rue Jules Valles 16. E infatti la terza esposizione che sbarca in Francia puntando su talenti campani.

Ma andiamo con ordine. Parlavamo di “Mutandis”, un rriverente gruppo creativo, nato nel 1994 dalla convinzione che insieme si possa cambiare ciò che c’è da cambiare, partendo dalle "mutande" e ironizzando sul suono linguistico della mutazione, evocato dall’indumento. Formato da artisti che ha continuato anche a lavorare individualmente (Gianni De Tora, Mario Di Giulio, Michele Mautone, Rosa Panaro, Mario Ricciardi e Nora Puntillo) e che si è ritrovato nei giorni scorsi a riproporre le proprio opere in un rinnovato slancio sorridente d giocosa creativit  e durante l’inaugurazione si sono proposti in una performance. Risultato un stendardo/megaslip su cui hanno disegnato e incollato alcuni dei loro lavori (Mario Riccardi ha riproposto anche la formella di Gianni De Tora, somparso qualche anno fa). La creazione estemporanea rimarr  al Pan e di questa mostra una traccia resta appunto nelle immagini del calendario prodotto grazie allo sponsor di Calabrese che ha anche il merito negli anni, grazie al suo sito, www.lefotodinando.it di documentare la fibrillazione artistica di Napoli e dintorni, ma anche “fatti e misfatti” della citt , con un’occhiata al mondo.

A Parigi Nando propone uno sguardo sul Pallonetto di Santa Lucia, “scenografia” notturna di panni stesi in cui sembra che da un momento all’altro gli attori defilati sullo sfondo possano riprendersi il palcoscenico e dialogare con gli spettatori. Con lui alla galleria Serrao esporranno anche Vincenzo Borrelli, Salvino Campos, Iole Capasso, Gian Luigi Gargiulo, Barbara La Ragione, Angelo Marra, Kiha Moore, Francesca Rao, Paula Sunday e Lusia Terminiello. Generazioni differenti a confronto che portano con s storie e dimensioni che giocano con realt , sogno e suggestione.

Sedi gallerie
Serrao Gallery, P.zza S. Pasquale a Chiaia 8/9
80121, Napoli (Italia)
tel. +39 081 7641040

Serrao Gallery, Rue Jules Valles 16
93400 St. Ouen, Parigi (Francia)
tel. +33 (0)6 38362498

Orari
Marted chiuso
Luned/Mercoled/Gioved’/Venerd 800 – 1300
Sabato 900 – 1600
Domenica 1000 – 1800
o su appuntamento (+39 340/4102119)

Nelle foto, in alto, l’immagine del Pallonetto che Nando Calabrese propone a Parigi (stampata su lastra di alluminio nero, con i particolari in rilievo. In basso da sinistra, lavori di Ivan Piano, Francesca Rao e Barbara La Ragione