Scendere dall’olimpo della letteratura e rimettersi al giudizio degli studenti può essere un utile esercizio per uno scrittore affermato e anche gesto di coraggio, soprattutto se si tratta di sottoporre ai giovani critici dei racconti inediti e in forma anonima. L’idea è venuta a Giovannella Fusco Girard, presidente del premio Naples Raconte, Napoli Racconta, consegnato questa mattina a Palazzo Du Mesnil, sede dell’universit  L’Orientale in Via Chiatamone.
I premiati per la sezione scrittori francesi, lo scrittore e intellettuale francese Jean Noel Schifano con il racconto “Lettera aperta agli italiani che non sono fatti” riflessione provocatoria sulla non-unit  del Paese; per la sezione scrittori di area francofona lo svizzero Nthonon Noel Ndjekery con il racconto “Volo di prova” e per la sezione scrittori di lingua francese come lingua di adozione l’italiana Rossella Latorraca. I racconti in concorso, scritti in francese, sono stati dunque tradotti e giudicati dagli studenti dell’Orientale e a chi si è distinto nella fase di traduzione è stato offerto un periodo di tirocinio presso una casa editrice francese o italiana. ” la prima edizione di una manifestazione che si ripeter  e che conferma la volont  dell’universit  L’Orientale di innovare e sperimentare, ampliando l’area di interesse della francesisitica anche al Belgio, alla Svizzera, al Canada e al Nord Africa. Non a caso, scrittori da tutto il mondo hanno inviato il proprio racconto.” Proprio per la vitalit  e il rigore delle sue attivit , l’universit  è stata accolta tra i 90 membri dell’Agenzia universitaria della francofonia.
Fabrice Morio, vicedirettore dell’istituto di cultura francese a Napoli, Le Grenoble, ha commentato l’iniziativa dicendo “il premio è molto importante perch è riuscito a farci superare quella reticenza che, noi francesi, abbiamo nel confrontarci con la letteratura francofona, ossia proveniente da paesi diversi dalla Francia. E spero, di poter partecipare più attivamente alla prossima edizione”.
“L’attenzione è stata messa sulla creazione – ha detto invece il preside della facolt  di lingue e letteratura straniere Antonio Guarino – ed è importante per ribadire il concetto di letteratura come uso creativo del linguaggio”.
Alla premiazione ha partecipato anche Adriano Aveta, console onorario di Svizzera che ha sottolineato il valore “della possibilit  di entrare in contatto con una molteplicit  di culture e di pensiero, che rende la maturazione della personalit  più veloce e ricca”. I racconti saranno raccolti in una pubblicazione.

Nell’immagine, Napoli vista da Linda Ponticiello per il concorso "Fotografa il maggio"