«Dipingere è una necessità fisiologica. A me interessa solo il contatto diretto e immediato della mia mente e della mia anima con la mano e la “tela”. La mia sperimentazione artistica  è tutta qui: vedere su carta, tela, legno o sul corpo qualcosa che somigli a me in quell’istante e per quell’istante. Trovo che nulla sia più originale del proprio stato d’animo che erompe, si rompe, ritorna, fluisce…nessuno può imitarlo, nessuno può viverlo al posto tuo, ma tutti possono ritrovarsi! L’arte è per me questo: Partire dal sé per giungere all’altro».
Così Pasqualina Caiazzo, classe 1979, spiega il suo percorso artistico alla vigilia del debutto sulla scena del Piccolo Bellini di Napoli nella settimana dedicata alla giornata internazionale della danza, con la performance  che coinvolgerà anche gli spettatori, “In Utero, inno alla vita”, da lei ideata e diretta, in collaborazione con Alessandra Rimonti e Salvatore Dello Iacolo, curata da Susanna Crispino.
Lo spettacolo, in programma lunedì 30 aprile , alle 20, gode del patrocinio del Comune di Napoli e nasce da Illustra, frammenti rinati 2018, un progetto espositivo che dal 2015 presenta le diverse tappe della poetica dell’artista.
In Utero, Inno alla vita trova il suo punto di partenza nelle vicende biografiche  dell’autrice che si confronta con la caducità della vita. Si delinea il difficile processo di guarigione dalla malattia capace di minare corpo e mente. Svetta la figura della madre, alter ego e presenza simbolica: la riscopre come individuo con il proprio carico di desideri, speranze, fragilità, imperfezioni e dolore, ma soprattutto come protagonista di un tempo limitato e incerto, minacciato dall’infermità.
Si parte dalla Stanza del tè: simboleggia l’utero, che accoglie la vita prima di lasciarla libera nel mondo, faccia a faccia con la consapevolezza della propria imperfezione, ma anche della propria perfettibilità.
Le azioni accompagnano, attraverso dodici diorama e altrettante parole simboliche, i passi di un cammino sospeso tra passato e presente, tra le andate e i ritorni infiniti, con un’unica guida: una valigia, piena della Bellezza che ciascuno incontra nella propria esistenza.
In foto, particolare della scenografia
Per saperne di più
https://www.facebook.com/pasqualinacaiazzoartista/

Piccolo Bellini
Via Conte di Ruvo 14, Napoli – Tel. +39 081.5491266 – Fax +39 081.5499656