Ritorna anche quest’anno con oltre settanta le serate già previste dal 10 giugno al 12 settembre 2021 uno dei programmi più ricchi tra le rassegne estive italiane: l’Arena Spartacus Festival (foto in alto “lo spettacolo dei luoghi dell’Arena Spartacus Festival” di Marco Sommella), che già lo scorso anno era stato uno dei grandi simboli della ripartenza culturale del Paese. Quattro mesi di spettacoli dal vivo con cinema, letteratura, musica e teatro.
Grande attenzione alla sicurezza sanitaria con posti a sedere numerati, distanziamento anche oltre il previsto e controllo di ogni singolo accesso con un cartellone quanto mai variegato e come di consueto abbinato alla cornice enogastronomica di “Amico Bio Arena Spartacus”, nato nel 2013 come primo ristorante al mondo in un sito archeologico.
Un Festival che anima anche quest’anno l’estate del secondo Anfiteatro al mondo per dimensioni dopo il Colosseo. «La nostra passione visionaria per la musica, l’arte, lo spettacolo dal vivo e per la cucina mediterranea rigorosamente biologica – sottolinea Bruno Zarzaca, fondatore di Amico Bio – sono gli ingredienti con cui misceliamo da ormai sei anni, senza alcun finanziamento pubblico, una rassegna che ha portato sul palco non solo grandi artisti o grandi registi ma anche e soprattutto la società civile campana, con i suoi magistrati, imprenditori, insegnanti, studenti, con l’obiettivo di creare anche nuove progettualità per far tornare dei territori martoriati dall’incuria e dalla criminalità ad essere quella Campania Felix che possono e debbono saper essere di nuovo».
Non perdete l’appuntamento inaugurale dell’edizione 2021 dell’Arena Spartacus Festival, che anche quest’anno avrà la regia organizzativa e produttiva di Radio Zar Zak, con un grande omaggio a Rino Gaetano (foto), giovedì 10 giugno alle 21.30. Sul palco dell’Anfiteatro Campano Michele Papale e la sua band con il DNA dell’indimenticabile cantautore calabrese rappresentato dalla voce del nipote, Danilo Scortichini.
«Un’apertura nel segno del ‘torniamo a cantare tutti insieme’ – annuncia il direttore artistico del Festival, Donato Cutolo – in un grande metaforico abbraccio che vuole rappresentare la ripartenza della cultura che può essere davvero il grande volano per la ripartenza anche economica dell’Italia post Covid».
Le tammorre di Luca Rossi e la voce ‘popolare’ per eccellenza di Marcello Colasurdo il 19 giugno, il pianoforte di Rita Marcotulli e la voce jazz di Maria Pia De Vito il 26 giugno e il rap di Frankie hi-nrg mc mercoledì 30 giugno. Il 22 luglio ci sarà il tributo a Fred Buscaglione.

Tornano in scena anche gli spettacoli del Demiurgo. Due grandi regie apriranno la sezione teatrale dell’Arena Spartacus Festival 2021. Roberto Andò per “Storia di un oblio”, il 23 giugno, e Jacopo Fo per “Sesso Zen Remix” il 1° luglio. A seguire, il classico shakespeariano del “Sogno di una notte di mezza estate” il 25 luglio, e l’omaggio alla Divina Commedia dantesca attraverso la commedia dell’arte con “Aldiqualdilà” il 31 luglio, con la regia di Franco Nappi, fondatore del Demiurgo insieme con Emilia Esposito.
Dal 22 giugno al 27 luglio sette film e sette registi che hanno sfidato il lockdown delle sale cinematografiche. Si parte con “Est – Dittatura Last Minute”, con la presenza del regista Antonio Pisu e del produttore Maurizio Paganelli. Poi il 29 giugno “Il caso Braibanti”, con la presenza dei registi Carmen Giardina e Massimiliano Palmese; a seguire, lunedì 5 luglio “Gli anni amari”, con la presenza del regista Andrea Adriatico; venerdì 9 luglio “Cosa sarà”, con la presenza del regista Francesco Bruni; successivamente il 13 luglio “Il buco in testa”, con la presenza del regista Antonio Capuano e degli attori Teresa Saponangelo e Francesco Di Leva; il 20 luglio sarà la volta di “Paradise – Una nuova vita”, con la presenza del regista Davide Del Degan e dell’attore Vincenzo Nemolato, e infine il 27 luglio “Maledetta primavera”, con la presenza della regista Elisa Amoruso.
«La rassegna cinematografica di quest’anno nasce nel segno della ripartenza e con il preciso intento di restituire ad alcune delle migliori opere italiane dell’ultimo anno la dimensione più adeguata, quella della visione collettiva su grande schermo. Con gli autori e gli attori che si alterneranno sul nostro palco parleremo del loro percorso creativo ma anche del particolare momento storico che stiamo vivendo». Così il direttore artistico della sezione Cinema dell’Arena Spartacus Festival, Francesco Massarelli presenta un programma cinematografico che sarà anche l’occasione per affrontare nei dibattiti successivi ai film temi impegnativi: dalle tematiche LGBTQ al valore della memoria, dal rapporto con la malattia al futuro dei giovani, con i toni leggeri della migliore commedia italiana, quella che sa farci riflettere, sorridere e allo stesso tempo commuovere.
Come da tradizione del “Festival della Letteratura nel segno del Mito: I am Spartacus” gli appuntamenti letterari dell’Arena Spartacus Festival saranno ispirati, con la direzione scientifica del giornalista Roberto Conte, ai valori della memoria e dell’impegno civile ed animeranno in alcune giornate, sempre con ingresso libero, il pre-serata del Festival a partire dalle ore 19. 
Nell’estate degli Europei di calcio, i giardini dell’arena che fu del gladiatore Spartaco ospiteranno sul grande schermo delle proiezioni cinematografiche anche le grandi sfide dell’Italia di Mancini e le partite più importanti della fase finale degli Europei 2021.

Info e Biglietti Arena Spartacus Festival:
 Tel. 0823-1831093 – Cell. 392-3070500
arena.spartacus@gmail.com
Per saperne di più
www.arenaspartacus.it

RISPONDI