A Bisanzio era oggetto di meraviglia, suonato a palazzo solo dalla corte imperiale. Poi entrò nelle notti bizantine delle dimore nobiliari. Nel mondo romano impazzava, una specie di pianoforte verticale ante litteram. Si vedeva in  tutte le case di chi che poteva permetterselo: compare, infatti, in bassorilievi, stele, monete, mosaici, affreschi. Stiamo parlando dell’organo, strumento privilegiato all’interno delle  chiese europee d’impronta cristiana. E agli organi storici della Campania è dedicata la rassegna organizzata dall’associazione Alessandro Scarlatti, giunta alla diciannovesima edizione.
Si inaugura domenica 17 giugno alle 19  nella chiesa della chiesa della santissima trinità dei pellegrini dei pellegrini (foto) con un concerto di Roberta Schmid. Il concerto (gratuito) è realizzato in collaborazione con l’ arciconfraternita della santissima trinità dei pellegrini e convalescenti, fondata nel ‘500 per assistere i tanti pellegrini che sostavano nella città di Napoli.
La cappella della SS. Trinità dei Pellegrini, costruita al di sopra della chiesa cinquecentesca da Carlo Vanvitelli tra il 1792 e il 1796, si trova a Napoli,  in Via Portamedina, 41 con accesso dal cortile dell’Ospedale dei Pellegrini, a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria di Montesanto dove si trova la tomba di Alessandro Scarlatti.
Qui c’è l’organo Tamburini del 1969, nel coro dei confratelli, alle spalle dell’altare maggiore, realizzato prima della chiesa nel XVIII° secolo, su progetto dell’ingegnere Giovan Antonio Medrano, e completato dall’architetto Giuseppe Astarita che ha disegnato gli ornamenti, gli stucchi e il pregevole arredo ligneo.
Seguiranno   altri tre appuntamenti:  domenica 24  giugno alle ore 19.30  il concerto della giovanissima Francesca Ajossa si terrà nella Basilica dell’Incoronata a Capodimonte, domenica 1 luglio per la prima volta a Napoli l’organista danese Lars Frederiksen sarà alle 19.45 nella chiesa dell’Immacolata al Vomero. Domenica 8 luglio alle 19.45  Angelo Castaldo chiuderà la rassegna nella chiesa di S. Maria della Rotonda.
Nata nel 2001 e dedicata alla scoperta e alla valorizzazione del vasto patrimonio organario della nostra regione, la rassegna ha al suo attivo più di 100 concerti, in prestigiose sedi quali il Santuario di San Rocco a Lioni, la Chiesa di Santa Maria della Speranza a Battipaglia, la Chiesa di Sant’Antonio al Seggio di Aversa, il Santuario di Sant’Antonio di Afragola , la cinquecentesca  Collegiata di San Michele a Solofra.
Per saperne di più
http://www.associazionescarlatti.it/

 

 

RISPONDI