Capodimonte/ La battaglia di Pavia negli arazzi: un fumetto racconta la storia dell’Europa moderna

0
280

La Battaglia di Pavia. Gli arazzi di Capodimonte, un libro a fumetti che, ispirandosi al ciclo di arazzi omonimo conservato a Capodimonte, racconta gli eventi della Battaglia di Pavia in cui si scontrarono l’esercito dell’imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V e quello di Francesco I di Valois, re di Francia.
Nel confronto decisivo del 25 febbraio 1525, i francesi furono sconfitti e il loro re catturato. Per celebrare l’evento, che definì il profilo politico-geografico dell’Europa moderna, Willem e Jan Dermoyen crearono un ciclo di sette arazzi, basandosi sui disegni di Bernard van Orley.
Offerte in dono a Carlo V nel 1531 da una delegazione delle Province dei Paesi Bassi, le opere passarono successivamente alla potente famiglia d’Avalos, napoletani di origine spagnola i cui antenati Ferrante e Alfonso avevano combattuto con grande onore nella battaglia di Pavia.
Nel 1862, Alfonso V, marchese di Pescara e ultimo discendente della famiglia, donò allo Stato italiano diverse centinaia di dipinti e preziosi lavori tra cui Apollo e Marsia di Ribera e gli arazzi, che furono esposti all’inizio del Novecento nel Palazzo degli Studi del Museo Nazionale di Napoli, per poi essere portati alla Reggia di Capodimonte nel 1957 in occasione dell’inaugurazione della Pinacoteca Nazionale.
Dopo un accurato restauro che ne ha ripristinato lo splendore, gli arazzi sono stati riallestiti nel 2022, per la prima volta seguendo un ordine che va a ricostruire il paesaggio dell’epoca, offrendo una visione completa della battaglia. 
Realizzato da Chiara Macor e Fabiana Fiengo, col coordinamento della Scuola Italiana Comix , il fumetto è prodotto da Arte’m in occasione della mostra Art & War in the Renaissance. The Battle of Pavia Tapestries, organizzata dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, il Kimbell Art Museum, il Fine Arts Museums of San Francisco, e The Museum of Fine Arts, Houston, in associazione con The Museum Box. 
Il volume sarà presentato il 25 aprile alle 17.30 nella Sala di Matteo, Padiglione 1 della Mostra d’Oltremare alla presenza degli autori e dei rappresentati del museo.
Dal 19 al 28 aprile 2024, in occasione del festival Comic(on)off, saranno allestiti nel salone degli arazzi del Museo e Real Bosco di Capodimonte tre grandi pannelli con le riproduzioni di alcune delle tavole del fumetto, in un interessante dialogo tra l’arte di ieri e oggi.

Capodimonte / The Battle of Pavia in tapestries: a comic strip that tells the story of modern Europe

The battle of Pavia. Tapestries of Capodimonte is a comic book about the Battle of Pavia. It shows the Holy Roman Emperor, Charles V, and Francis I of Valois, King of France, fighting each other.
On February 25th, 1525, the French were defeated and their king captured. To celebrate this event, Willem and Jan Dermoyen created a cycle of seven tapestries.
In 1531, the works were given to Charles V by a delegation from the Netherlands. They later passed to the powerful d’Avalos family, whose ancestors fought at the Battle of Pavia.
In 1862, Alfonso V, the last descendant of the family, gave several hundred paintings and other valuable items to Italy. These included Ribera’s Apollo and Marsyas tapestries. The works were exhibited in Naples in the early 20th century and then brought to the Capodimonte Palace in 1957.
The tapestries were restored and remounted in 2022. They show the battle in its full context.
The comic was created by Chiara Macor and Fabiana Fiengo, with the coordination of Scuola Italiana Comix. It was produced by Arte’m on the occasion of the exhibition Art & War in the Renaissance. The battle of Pavia tapestries was organized by the Museo e Real Bosco di Capodimonte, the Kimbell Art Museum, the Fine Arts Museums of San Francisco, and The Museum of Fine Arts, Houston.
The book will be presented on April 25th at 5:30 p.m. in Matthew Hall, Pavilion 1 of the Overseas Exhibition. The authors and museum representatives will be there.

RISPONDI

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.