Roberto De Simone, superstar a Capodimonte. E’ stato un trionfo l’anteprima  del Luglio Musicale 2019 con la folla delle grandi occasioni per il concerto (foto) ideato dal muicista, applauditissimo in un abbraccio corale della città, il 7 e 8 luglio scorsi. Realizzato il suo sogno inseguito per oltre 40 anni: mettere in scena la Serenade n. 8 K. 286 in Re maggiore per quattro orchestre di W. Amadeus Mozart. Ed ecco che per domenica prossima 14 luglio la rassegna propone un altro interessante appuntamento.
Alle 19, al Belvedere e nel cortile monumentale omaggio a Ruggero Leoncavallo nel centenario della scomparsa (1857-1919) con il soprano Chiara Polese e il tenore Enrico Terrone. Al pianoforte Angelo Gazzaneo.  Il pubblico potrà ascoltare arie tratte dalle opere La vedova allegra, La traviata, Tosca, Bohème, Turandot, Pagliacci. E finale con un medley tutto napoletano. Si consiglia di  portarsi un telo o una copertina da casa per sedersi sui prati.
Il napoletano Ruggero Leoncavallo fu uno degli esponenti più importanti del melodramma verista: soprattutto nei Pagliacci, ne emerge lo spirito drammatico con impatto dirompente. Ma, nonostante fosse un intellettuale più colto degli altri veristi, con una laurea in lettere,  rimase relegato nella giovane scuola italiana, tra influssi di Bizet, di Verdi e lontani echi di Wagner.