Il caso dell’ambulanza della morte diventa un film. “Buonacreanza” di Gianfranco Antacido è in concorso alla ventiseiesima edizione di “Capri, Hollywood”.
A Biancavilla, in provincia di Catania, due barellieri sono stati arrestati per aver ucciso per denaro dei malati durante il trasporto. Un fatto di cronaca cui si ispira il lavoro (foto) del giovane regista napoletano (classe 1992) disponibile gratuitamente sulla piattaforma online MYmovies a partire dal 31 dicembre.
Spiega Antacido:  «È un corto duro, tosto che non ammette indulgenza su quanto affrontato. L’unico modo per realizzare questo progetto ‘nero’ era quello di prenderlo con ironia e leggerezza. Non aspettatevi di vedere Gomorra o Suburra o un gangster movie. Non aspettatevi di vedere un corto di sinistra, di denuncia o dai toni delicati. Aspettatevi di vedere la faccia più squallida e sottomessa del sottobosco criminale. Aspettatevi di vedere la cattiveria, il cinismo e l’avarizia spietata che fa brontolare stomaci collusi. Ma soprattutto, aspettatevi di vedere la follia dell’essere umano in grado di manipolare il meccanismo perfetto, o quasi, delle attività criminali».
La vicenda è ambientata a Castel Volturno in provincia di Caserta, dove a bordo di un’ambulanza giunge un nuovo operatore timido e impacciato. Che romperà gli equilibri, sino a scoprire una realtà malsana e collusa.
I protagonisti, Maurizio Della Volpe e Michele Nunziata, sono volti poco noti per non distrarre lo spettatore dalla centralità della storia. Nel cast, anche Elena Maggio, nipote della celebre Pupella Maggio.
Prodotto da Alaska Film in collaborazione con Sly Production, World Video Production e distribuito da Premiere Film, “Buonacreanza” è stato già in selezione al Napoli Film Festival e ha vinto il Cortodino Film Festival come miglior “Talento Campano 2021”.
GUARDA IL TRAILER
https://www.youtube.com/watch?v=SB6udshx3e8

RISPONDI