Napoli Beerfest. Sabato 21 e domenica 22, dalle 12 alle 24, nelle sale di Castel dell’Ovo, l’evento che radunerà radunerà tutto il mondo della birra artigianale italiana, patrocinato dal Comune di Napoli, Unionbirrai, l’associazione di categoria dei piccoli birrifici indipendenti, e Confesercenti. Una selezione di ben diciassette tra i migliori birrifici artigianali, campani e italiani, apriranno i propri impianti di spillatura per quella che si preannuncia essere una manifestazione sulla birra artigianale tra le più suggestive realizzate in Italia, grazie alla location unica di Castel dell’Ovo.
Le birre non saranno le uniche protagoniste, grazie alla presenza di volti noti dell’enogastronomia partenopea come Ciro Salvo (50 Panino), Leopoldo Infante (Taralleria Napoletana), Ciro Scognamillo (Poppella), Giovanni Gentile (Wapo Natural Food), Antonio Aliberti (Casa KBirr) e Pasquale Rinaldo (Cipajo e Ristorante D’Amore a Capri) che proporranno le specialità gastronomiche che rendono Napoli e la Campania protagonista nel mondo.
Spiega Alfonso Del Forno, Unionbirrai Beer Taster: «Sono circa un centinaio le birre che proporranno i 17 birrifici italiani, di cui la metà sono di origine campana. Cuzzitielli, taralli sugna e pepe, polpette a ragù e dolci tipici dei quartieri di Napoli, completeranno il matrimonio con la birra».
E aggiunge l’assessora al commercio Rosaria Galiero: «La prima edizione di un momento che ci vedrà direttamente impegnati come città di Napoli, il primo evento con protagonista la birra di caratura nazionale che verrà ospitato in una delle nostre location più suggestive che è quella del Castel Dell’Ovo, che saprà essere in grado di perfezionare la fusione tra ciò che sono le eccellenze della birra e la linea gastronomica rappresentata, con nomi eccellenti che accompagneranno un “percorso artigianale” davvero suggestivo, che identificherà nella sua grandezza, sia tecnica che gustativa, la birra».
Ricco il programma culturale con tanti laboratori di degustazione che si alterneranno durante la due giorni, a partire dalla verticale di una della birre italiane più conosciute al mondo, la Xyauyù, eccellenza del Birrificio Baladin, tenuta dal suo ideatore TeoMusso, tra i fondatori del movimento brassicolo italiano. Interessante e attuale la tavola rotonda sull’indipendenza dei pub, che aprirà il programma culturale sabato 21 alle ore 14,00 con la presenza di personaggi di rilievo del movimento brassicolo nazionale come Manuele Colonna, Schigi e Andrea Turco.
L’abbinamento cibo birra, grazie al supporto del progetto “Birra in Tavola”, sarà il filo conduttore dell’area culturale e vedrà protagonisti gli interpreti dell’area Food sopra citata, accompagnati da Luciano Pignataro, Barbara Guerra (curatrice della guida 50 Top Italy), Alfonso Del Forno(co-organizzatore del Napoli Beerfest e UBT) e gli Unionbirrai Beer Tasters, degustatori di birra di Unionbirrai.
Grande risalto, nell’ambito della manifestazione, sarà conferito al progetto “Scegli Napoli”, nato con l’obiettivo preciso di promuovere l’acquisto di tutti i prodotti realizzati dalle aziende con sede legale nella città di Napoli e del suo territorio metropolitano.
Di alto profilo anche i partner della manifestazione come Kimbo, Mulino Caputo, Acqua Panna e S. Pellegrino, Emporio Brewing, Inpact, La Spillatura, Home Beer, La Torrente e PartenoCraft.
Per incentivare il turismo sul territorio, è stato stipulata una partnership con l’associazione degli albergatori aderenti a Host Italia, con una serie di convenzioni reciproche che legano il Napoli Beerfest e chi fa accoglienza a Napoli.
Media partner ufficiali dell’evento sono Luciano Pignataro wine&food blog, il mensile Pizza e Pasta Italiana e il portale La Gazzetta del Gusto.
Interessante collaborazione con due App scaricabili gratuitamente: Yhop, che descrive come arrivare a Castel dell’Ovo, quali i birrifici presenti e l’elenco completo delle birre con relative caratterisiche, e Whatabeer, che punta a promuovere la cultura birraria attraverso un’impostazione “ludica”, una sorta di Tinder della birra.
Immancabile la presenza del Club Amici del Toscano, impegnato con i laboratori di abbinamento con la birra.I laboratori sono tutti gratuiti (ad eccezione della verticale di Xyauyù) per un massimo di 25 persone per ogni sessione.
Il biglietto d’ingresso al Napoli Beerfest è acquistabile online sul sito dell’evento (www.napolibeerfest.it) o direttamente all’ingresso del Castello. Il costo della singola giornata è di 10 euro, comprensivo di bicchiere in vetro personalizzato, la taschina porta bicchiere e due ticket per le degustazioni.
È previsto un abbonamento per le due giornate a un prezzo di 18 euro, comprensivo di bicchiere in vetro personalizzato, la taschina porta bicchiere, quattro ticket per le degustazioni e un sacchetto personalizzato. All’interno è possibile acquistare l’upgrade del biglietto d’ingresso con ulteriori ticket. Chi acquista il biglietto in prevendita ha una corsia preferenziale all’ingresso di Castel dell’Ovo.
©Riproduzione riservata 

 

RISPONDI