Stabiae liberata. Alla riscoperta della città antica: viaggio teatrale pensato e scritto dal regista Fabio Cocifoglia (foto) per il racconto/spettacolo tratto dalle memorie di Liberato D’Orsi.
La produzione di Casa del contemporaneo è proposta nel programma Campania by night 2021 a cura di Regione Campania e Scabec, realizzata con la consulenza scientifica di Comitato per gli scavi di Stabia in collaborazione con il parco archeologico di Pompei. Venerdì 3 e sabato 4 settembre ore 20, 21, 22, il primo racconto a Villa San Marco. Venerdì 10 e sabato 11 settembre ore 18:30, 19:30, 20:30, il secondo racconto a Villa Arianna (Castellammare di Stabia).
Dove sta Stabiae? Il giovanissimo Liberato D’Orsi iniziò a porsi questa domanda percorrendo le strade dell’antica Pompei e ascoltando i racconti della vicina Ercolano. Dov’era sepolta la città antica della sua Castellammare? Scomparsa o mai esistita?
Quello che non si ricorda, infatti, rischia di non essere mai esistito. Ed è tanto più vero quando questo ha a che fare con la storia degli uomini e la bellezza: entrambe racchiuse nelle Villa San Marco e Villa Arianna, alcuni dei siti archeologici riportati alla luce dagli scavi condotti dal D’Orsi negli anni ’50 e ‘60 del Novecento e oggi ambientazione delle pièces teatrali di Casa del Contemporaneo.
Due uomini, due amici, un preside e un bidello, interpretati dallo stesso Cocifoglia e da Giampiero Schiano, ne sono protagonisti. Due dimensioni di uno stesso racconto in un unico dialogo fra il “sopra” a Villa San Marco, dove un rapido incedere fra gli episodi salienti della vita di Liberato ci restituiscono il personaggio storico – ciò che appare – e il “sotto” a Villa Arianna, in cui il fuoco della narrazione sarà l’uomo più che le sue vicende – ciò che è nel profondo.
Prevendita on line ticketone.it o presso le biglietterie di Pompei e Oplonti. Il biglietto intero costa intero 5 euro; il ridotto ridotto euro 2,50 (under 30/over 65/possessori Campania Artecard); gratuito under 18/diversamente abili.

RISPONDI