Un pezzo di Napoli all’ombra della Madonnina. Giovedì 21 marzo al Corso Europa di Milano la primavera si annuncia con un angolo partenopeo (foto). In pieno centro meneghino,  due marchi: dolci d’autore firmati dallo chef Salvatore Varriale e grani antichi per la pizzeria di Giuseppe Vesi, che svela il segreto di una specialità.
Pizza con farina di grani antichi del Cilento, la Carosella – coltivata fin dall’epoca dei Romani nelle tante fattorie sparse nel Cilento – con stracciatella campana, tartarre di tonno, pomodorino giallo confit, granella di mandorla tostata e polvere di limone di Sorrento.
Una pizzeria con effetti speciali: al centro un vero mulino, con macine a pietra, in cui la farina, ottenuta da grano Carosella, utilizzata per fare la pizza sarà realizzata al momento.
Protagonista: la qualità dalla colazione, al pranzo fino alla cena, tra atmosfere che rimandano agli scenari della costiera amalfitana.
Sapori antichi ormai noti nel mondo. Scorrendo il ricco menu ci si imbatte piacevolmente nei ravioli ricotta e limone, o in un cult della pasticceria come la delizia al limone. Oltre la pizza tradizionale verace napoletana, con una ricetta ispirata ai maestri pizzaioli del ‘700.
Nel locale, anche una limonaia, mattonelle stile Vietri sul mare, un menu che riproduce e ricorda in pieno un’atmosfera tipica della costiera amalfitana e di Napoli verace. Potrebbe essere una terrazza di Maiori, Positano, Ravello, Vietri e invece siamo a due passi dal Duomo, in un’ampia sede di 600 metri quadrati su due piani.