Da oltre 20 anni, è  la voce femminile dell’Orchestra italiana di Renzo Arbore. Con cui ha girato il mondo, andando in scena anche a New York e Taiwan. Dal 2015 Barbara Buonaiuto è entrata a far parte della Marocco Music con la quale ha inciso il suo primo album da solista “8 canzoni” con la produzione di Rocco Pasquariello.
Lo propone alla Domus Ars (via Santa Chiara, 10), venerdì 29 novembre, alle 18,30, dopo il singolo “’O scuro”, primo assaggio del lavoro discografico.
Il disco, che nella copertina e nel booklet esalta la bellezza multicolore della natura incontaminata con le foto di Gianfranco Ferraro e gli acquerelli di Alessandro De Carolis, ospita, insieme ai sei brani inediti, due cover, omaggi a Lhasa De Sela e a Waldemar Bastos.

Qui sopra la copertina del disco. On alto, Barbara Buonaiuto
Qui sopra la copertina del disco. On alto, Barbara Buonaiuto

Coordinato artisticamente da Francesco Albano, è stato arrangiato prevalentemente da Paolo Del Vecchio che, in una squadra di musicisti tra i migliori di tutta Italia, merita una menzione speciale. Preziose le collaborazioni con Marina Mulopulos, Lino Cannavacciuolo, Brigan, Pino Basile e altri.