New York accoglie l’italian academic center. Che nasce  nel cuore del campus della Cornell Tech e ospiterà progetti di innovazione e iniziative di formazione e ricerca promossi da tre tra i più conosciuti e prestigiosi atenei italiani: Università degli Studi di Napoli Federico II, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna e Sapienza Università di Roma.
Il centro è stato inaugurato dai rettori Francesco Ubertini (Università di Bologna), Eugenio Gaudio (Sapienza Università di Roma) e Gaetano Manfredi (Università degli Studi di Napoli Federico II) insieme al dean di Cornell Tech Greg Morrisett.
Lo troviamo nel Tata Innovation Center, struttura disegnata e costruita secondo principi e tecnologie sostenibili che fa parte del campus della Cornell Tech, Silicon Valley verticale sulla Roosvelt Island, sviluppata dalla collaborazione tra Cornell University di New York (USA) e Technion – Israel Institute of Technology di Haifa (Israele).
Startup innovative e iniziative imprenditoriali legate alla ricerca accademica, oltre che nuove attività formative congiunte saranno protagoniste delle attività. Il ricco ecosistema accademico americano e i sistemi industriali coinvolti permetteranno ai tre atenei italiani di dare vita a una vivace collaborazione, stimolando la nascita di progetti multidisciplinari e promuovendo partenariati pubblici e privati, attenti a innovazione e sostenibilità.
Il progetto prende corpo grazie al centro interuniversitario di formazione internazionale H2CU (honers center for italian universities), associazione che da tempo contribuisce alla collaborazione accademica tra Italia e Stati Uniti organizzando a New York una serie di summer school che coinvolgono atenei italiani e statunitensi.
Un’opportunità senza precedenti per la comunità accademica italiana, che le permetterà di aprirsi anche al contesto accademico, sociale e industriale statunitense.
In alto, uno scorcio della Grande Mela