Appare come un itinerario di prosa sperimentale la successione di diciassette opere Carte e collage, collegate tra loro dal filo rosso del sentimento e della passione, di Giosetta Fioroni in mostra con  “Il professore di desiderio. Opere su carta dagli anni ’90 a oggi”,  alla galleria Andrea Ingenito art contemporary di Napoli. Alle pareti tra gli altri riferimenti letterari Paul Celan “Atemwende”,  “La rosa di nessuno”, anche il ritratto di Philip Roth, autore del romanzo da cui è  tratto il titolo dell’esposizione.
«In tutto il mio lavoro c’è una specie di matrice comune che è l’infanzia, una infanzia particolare, vissuta fra elementi molto legati alla visionarietà»,  afferma l’artista romana, che, come il suo compagno, lo scrittore Goffredo Parise nei Sillabari, indaga le autentiche emozioni, ma poi reinterpreta i sentimenti, senza sentimentalismi, fissa  in opere, un  mondo ricco  con cui si confronta, accogliente, e, nello stesso tempo, incantato. Cattura in esse  anche le immagini forti, traslate dal pianeta della fiaba,  studiato sulle pagine del russo Vladimir Propp, raccontando tutto con una pittura  europea, di carattere intimista.
Il suo rapporto elettivo con poeti e scrittori  restituisce all’osservatore, lungo il  percorso, magistralmente allestito, la fruizione di un linguaggio universale,  una sorta di “poesia muta” rivolta a tutti, non solo a un  pubblico  colto e addetto ai lavori.
La Fioroni, famosa per i suoi argenti, ideogrammi su tele e carte realizzati con vernici industriali e alluminio, dal pop della scuola di Piazza del Popolo con Tano Festa, Mario Schifano e Franco Angeli ha ricercato e sperimentato con  innumerevoli tecniche e materiali (ceramica, scultura, scatole in legno, teatrini, fotografia, video)  lo stupore, la gioia, i momenti della femminilità , l’amore per la vita, in uno stile senza tempo in cui ogni parola diventa gesto leggero.
A completamento dell’interessante mostra, un catalogo a cura di Andrea Ingenito (10 euro) il cui ricavato è interamente devoluto alla Fondazione Cariello Corbino a sostegno del progetto: Ronin Club- Scuola di Karate e Sport  Chanbara dei Quartieri Spagnoli per i ragazzi a rischio.

In mostra fino al 21 settembre
Galleria Andrea Ingenito Contemporary art
Cappella Vecchia 8/A
Lunedi-venerdì h. 11-19 (sabato su appuntamento)

 

In alto, Giosetta Fioroni, Dipingere (2017), Fonte arte.it