Francia| ilmondodisuk.com
Qui sopra e in alto, sapori di Francia

 Incontro sotto il segno della gastronomia. A Napoli l’istituto francese, da 5 anni,  celebra l’ingresso della primavera con l’iniziativa Goût de France. La manifestazione, lanciata nel 2014 dal ministero francese degli affari stranieri, coinvolge oltre 2000 ristoranti nel mondo, per un omaggio ai sapori d’oltralpe.
La Provenza sarà la regione protagonista dell’edizione 2019 per una cucina responsabile e rispettosa dell’ambiente. E a palazzo Grenoble in via Crispi 86, sede napoletana dell’istituto, è doppia festa. Quest’anno, infatti, festeggia i 100 anni della sua presenza sul territorio napoletano: così la rassegna diventerà il banchetto del centenario, con un concorso cui partecipano 4 scuole alberghiere della Campania.
Divisi in quattro squadre composte da altrettanto allievi e un professore, i partecipanti  prepareranno un menù provenzale per gli ospiti del console (e direttore) Laurent Burin des Roziers e proporranno in lingua francese le loro creazioni.
Formeranno la giuria i quaranta invitati (tra autorità, diplomatici, specialisti gastronomici, giornalisti, partner culturali). Saranno presenti anche i 10 vincitori di un concorso on line rivolto al grande pubblico indetto dall’Institut français Napoli la settimana scorsa.
I vincitori, affiancati da un accompagnatore, riceveranno in premio uno stage studio presso “La Cadenelle”, una scuola alberghiera di Marsiglia dal 12 al 16 maggio. A quanti si piazzeranno al secondo posto verrà offerto dall’Università dei Gusti e dei Saperi uno stage di 3 giorni in uno stabilimento di attività ristorativa di alto rilievo in Campania. Ma  a tutte le squadre sarà consegnata una medaglia e un diploma di partecipazione al “Banchetto del Centenario dell’Institut français Napoli – Goût de France 2019”.
Ecco le scuole in gara grazie a un bando lanciato dal consolato generale di Francia e dall’Istituto francese di Napoli, rivolto agli studenti del quarto e quinto anno:  Ipseoa Duca di Buonvicino di Napoli; Ipssar Ugo Tognazzi di  Pollena Trocchia; istituto superiore Vittorio Veneto di Napoli; Ipsseoa C. Russo di Cicciano.
Questo, il menù:  socca con verdura fresca e tartare di manzo, crema di fave con pancetta croccante, flan di ricotta al miele di lavanda e cotenna soffiata, bouillabaisse di coniglio contemporanea e Torta «tropézienne» rivisitata con sapori di Campania.
Prima di assaggiare le prelibatezze preparate dai giovani per la competizione,  un recital di “Nuova Provenza” (alle 18,30), coro franco-provenzale di Faeto, paese provenzale in Basilicata, una presentazione sulla cucina provenzale e un aperitivo con degustazione di prodotti provenzali, offerto dallo Chef Stan del Ristorante “Les Voisins d’à côté” di Avignone e dal Discepolo di Escoffier Francia Anne-Laure Integlia del ristorante “Mets des Lys” di Sorgues” .
Agli eventi che precedono il banchetto si può partecipare prenotando al numero 0817616262. Su invito, la cena.
Per saperne di più
https://www.institutfrancais.it/napoli