Dall’Europa a Napoli: è Festa della musica. Una grande manifestazione popolare, condivisa nel vecchio continente con  iniziative, concentrate in particolare nella giornata del 21 giugno. A Napoli, anteprima domenica 17 giugno e un fitto programma fino a domenica  24 giugno.
Un inno alla gioia è il titolo di quest’anno: la città diventerà un grande  palcoscenico. Dal Maschio Angioino al Convento di San Domenico Maggiore, al Conservatorio di San Pietro a Majella, alla Casina Pompeiana in Villa Comunale e ancora al Pan, alla Villa Pignatelli, all’ex Birrificio di Miano, alle piazze di San Giovanni a Teduccio.
Si comincia il 17 con il concerto dell’orchestra Scarlatti jr nella Sala del Baroni del Maschio Angioino, ma l’evento clou si svolgerà il 21, nel cortile del maschio Angioino, dalle 18.30 alle 20 con la fanfara del decimo reggimento dei carabinieri Campania, che accoglierà gli spettatori all’ingresso.
E nell’antico castello (foto) ci saranno 100 chitarre per altrettanti musicisti di ogni età provenienti da tutt’Italia, riuniti in una maxiorchestra di chitarre, diretta da Vito Nicola Paradiso: un concerto a cura dell’ Accademia europea di musica e arti dello spettacolo. La manifestazione fa da preludio al concorso internazionale di musica da camera, dedicato a Ferdinando Carulli,  chitarrista e compositore partenopeo vissuto tra sette e ottocento.
Musica anche in periferia con la sfilata della banda musicale il 23 giugno sul corso di San Giovanni a Teduccio.  Il programma della Festa europea della musica  è promosso dal MiBact con il sostegno della Siae e dal Comitato Festa europea della Musica, d’intesa con AIPFM Associazione italiana promozione festa della musica. A Napoli è realizzata dall’assessorato alla cultura e al turismo del Comune con la collaborazione del Comitato festa della musica di Napoli.
Per scaricare il programma clicca su
http://www.comune.napoli.it/festa-della-musica-2018