Sui corpi galleggianti naviga l’arte del marchigiano Iacopo Pinelli, artista ventisettenne che propone i propri lavori da domani giovedì 22 aprile allla Shazar Gallery di Napoli (dalle 11).
L’esposizione curata da Valentina Muzi presenta progetti, installazioni (foto) e opere scultoree, creati ad hoc per la Shazar, una serie di spunti riflessivi sulla crisi della società, sulla quotidianità e sulla memoria giocando e plasmando materia e concetto.
La società liquida di Bauman diventa mare, metafora della contemporaneità, dove si rischia di annegare: ancore di salvezza, i corpi galleggianti, dalle forme rassicuranti, leggere e allegre che si rivelano peso di piombo o di cemento verso l’abisso.
I corpi sono paradossi visivi in una rappresentazione della realtà distorta. La centralità dell’opera è il corpo umano che si trasforma in oggetto e, inesorabilmente, affonda essendo divenuto una massa che nessun liquido può sostenere.
Nell’esposizione troviamo anche le pitture di sole, opere da schermare e proteggere insieme ai pensieri che contengono. Mentre la memoria è depositata in scatole di ferro: invito alla conservazione, alla preservazione dell’effimero pannello su cui re sole ha impresso l’orma di cui può anche distruggere il ricordo, cancellandola.
Piccoli elementi del fare quotidiano disegnano, grazie alla precarietà del supporto, un marchio che porta con sé il gesto, la vita delle piccole azioni, da difendere nonostante tutto.
Potrete visitarla fino al 12 giugno dal martedì al sabato dalle 14.30 alle 19.30. La prenotazione obbligatoria è possibile su tutti i canali ufficiali della Shazar Gallery.
https://www.facebook.com/Shazar-Gallery-544513292225782/
https://www.instagram.com/shazargallery/?hl=it

RISPONDI