La stagione artistica 2018\2019 del Teatro Stabile d’Innovazione Galleria Toledo si presenta come un prisma dalle molteplici sfaccettature. La programmazione teatrale propone il lavoro della compagnia residente, diretta da Laura Angiulli, con la messa in scena de La dodicesima notte di Shakespeare, dal 21 novembre, cui farà seguito l’Edoardo II di Marlowe, con drammaturgia e regia sempre di Laura Angiulli. In chiusura d’anno, dal 14 al 16 dicembre, Galleria Toledo ospiterà poi il TeatroZeta, compagnia della città de L’Aquila, che proporrà Il veleno del teatro, commedia nera per la regia di Carlo Emilio Lerici con Emanuele Morgese.
Dal 9 al 20 gennaio la ripresa de Il Mercante di Venezia, per la regia di Laura Angiulli, con Giovanni Battaglia nel ruolo di Shylock, cui seguono, dal 24 al 27 gennaio, Buscie di Gaspare di Majo- drammaturgo morto in esilio politico nel 1930 – e Notte! Di Oscar Di Majo, due atti unici recuperati dalla grande tradizione teatrale partenopea, per la regia di Tonino Di Ronza, con Oscarino Di Majo e gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.
Febbraio vede in scena La Bisbetica Domata dall’8 al 17 con Alessandra Elia nel ruolo di Caterina. Dal 14 al 17 marzo la compagnia romana La Fabbrica dell’Attore, in co-produzione col Teatro Vascello porta in scena Abitare la battaglia (conseguenze del Macbeth), spettacolo sul gioco del potere, diretto da Pierpaolo Sepe con drammaturgia di Elettra Capuano.
Ad aprile i Societas ( attualizzazione del marchio artistico dei Raffaello Sanzio) con la terza parte del ciclo Il regno profondo. Perché sei qui? Lettura drammatica sulla logica dei linguaggi. Negli stessi giorni, dal 26 aprile al 5 maggio, presso il teatro San Ferdinando, il debutto de La Medea di Porta Medina.
L’unica replica di MDLSX, spettacolo sul transgenderismo di Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande della compagnia Motus – in scena il 7 maggio, sarà preceduto da un live dj set di Silvia Calderoni. In data da definirsi ritornerà le Braci, adattamento dal romanzo di Sandor Marai con drammaturgia e regia di Laura Angiulli, interpretato da Renato Carpentieri e Stefano Jotti.
Tra il 9 e il 16 maggio Galleria Toledo propone La Cina in scena, una rassegna dedicata alla cultura contemporanea cinese in sinergia con l’istituto Confucio e L’Università degli Studi di Napoli L’Orientale.
Altra proposta sarà Songs, osservatorio sulla scena cantautorale napoletana che si avvale della collaborazione dell’associazione BeQuiet. Galleria Toledo Cinema proporrà, in collaborazione con Francesco Notarangelo, lunedì per cinefili con titoli di qualità. Il primo film in programma è Vinilici (perché il vinile ama la musica) di Fulvio Iannucci, lunedì 17 dicembre, sulla storia dell’industria musicale a Napoli e in Italia.
Infine, tre  gli incontri speciali correlati alla stagione artistica, due dei quali in sinergia con L’Orientale. Il 9 ed il 10 gennaio un dibattito sui temi de Il Mercante di Venezia, in occasione del convegno “Shakespeare e il senso del comico” che avrà luogo a Palazzo du Mesnil.
Tra aprile e maggio, invece le presentazioni a Palazzo Giusso degli spettacoli Il regno profondo. Perché sei qui? Dei Societas e Da parte loro nessuna domanda imbarazzante di E/Fanny & Alexander , nell’ambito di “Racconti di pace e di guerra. Riflessioni tra arte, politica, musica e filosofia”, laboratorio universitario a cura del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università L’Orientale. Il terzo incontro, nell’ambito delle iniziative dedicate all’8 marzo, vedrà la presentazione del libro di Eva de Prosperis “Io sono una burnesha. Viaggio nell’Albania delle vergini giurate”,

Per saperne di più
Galleria Toledo
Via Concezione a Montecalvario 34
Tel. 081425037\ 081425824