Si torna a “Ridere” da domani al Maschio Angioino di Napoli. Si inaugura venerdì 10 agosto alle 21.30, la ventottesima edizione del Festival del teatro comico, musica e cabaret. Organizzata dal Teatro Totò con la direzione artistica di Gaetano Liguori.
Fino al 22 agosto nel cortile del castello simbolo della città, spettacoli  per un pubblico eterogeneo, i napoletani rimasti città e i tanti turisti arrivati da tutto il mondo. Si parte domani con Federico Salvatore che  propone un suo testo  Quello che dice le parolacce la regia di Gaetano Liguori. Un lavoro che punta tutto sulla poeticità delle “parolacce” espresse nel modo giusto e sulle loro proprietà terapeutiche contro l’ipocrisia e il perbenismo di facciata.

Domenica 12 agosto sul palco Simone Schettino e il suo Show. Il 13 agosto sarà il turno di Marco Cristi, Edoardo Guadagno e Nando Varriale in Totò comic Cabaret. Il 14 agosto, Paolo Caiazza presenterà propone Non mi chiamo Tonino, a Ferragosto, invece, tocca a Gino Cogliandro nel suo divertente Giulietto e Romea. Il 16 agosto, Gino Rivieccio e Gianni Conte, protagonisti di Ci vediamo alle 21:30 massimo alle 21:45 e il 17 ci sarà Benedetto Casillo  Provvisoriamente 50 anni a servizio del teatro. Ancora il 18 e il 19  Francesca Marini e Massimo Masiello emozioneranno gli spettatori con ‘A terra mia, moderna rivisitazione della sceneggiata.
Gli ultimi tre appuntamenti:  il 20 Peppe Iodice con Ieri Iodice e Domani scritto con Lello Marangio, il 21 Vittorio Marsiglia con Il macchiettista e il 22, Rosalia Porcaro (foto) impegnata nel suo intrigante monologo diviso tra il tragico e il comico, Femmene.