Il Sindaco del rione Sanità superstar. Come miglior spettacolo ma anche per l’interpretazione di Massimiliano Gallo (foto). Così lo spettacolo trionfa all’edizione 2018 del Premio Le Maschere del Teatro Italiano. L’assegnazione dei riconoscimenti si è svolta ieri al  Mercadante di Napoli: la serata, trasmessa in diretta differita su Rai Uno alle 23.30, è stata anche quest’anno condotta da Tullio Solenghi.
 In un teatro affollato di artisti, addetti ai lavori, personalità della cultura, del giornalismo e della politica, sono stati consegnati i 13 premi del prestigioso concorso.
Questi i vincitori delle 13 categorie:  Il Sindaco del rione Sanità per la regia di Mario Martone si è aggiudicato il premio di Migliore spettacolo di prosa; il premio di Migliore regia è andato a Valerio Binasco per lo spettacolo La cucina prodotto da Teatro Nazionale di Genova; all’attore Eros Pagni il premio di Migliore attore protagonista nello spettacolo Sei Personaggi in cerca d’autore diretto da Luca De Fusco; all’attrice Gaia Aprea il premio di Migliore attrice protagonista nello spettacolo Sei personaggi in cerca d’autore diretto da Luca De Fusco; all’attore Massimiliano Gallo il premio di Migliore attore non protagonista nello spettacolo Il Sindaco del rione Sanità con la regia di Mario Martone.
E ancora Francesca Benedetti si è aggiudicato il premio di Migliore attrice non protagonista per lo spettacolo Antigone di Federico Tiezzi; Lucrezia Guidone  Migliore attrice emergente per lo spettacolo Antigone diretto da Federico Tiezzi; il premio di Migliore interprete di monologo è andato a Pierfrancesco Favino per lo spettacolo La notte poco prima delle foreste con la regia di Lorenzo Gioielli; a Luigi Ferrigno il premio per la Migliore scenografia per lo spettacolo La cupa diretto da Mimmo Borrelli; a Gianluca Sbicca quello per i Migliori costumi, con lo spettacolo Freud o l’interpretazione dei sogni con la regia Federico Tiezzi; a Gigi Saccomandi il premio per le Migliori luci con lo spettacolo Sei personaggio in cerca d’autore, diretto da Luca De Fusco; a Antonio Della Ragione il premio per le Migliori musiche per lo spettacolo La cupa diretto da Mimmo Borrelli. Il premio Migliore autore di novità italiana è stato assegnato a Mimmo Borrelli per il suo La cupa.
L’irresistibile e inossidabile Gigi Proietti, infine  premiato speciale dal Presidente della Giuria è andato a Gigi Proietti  e Giordano Bruno Guerri ha ricevuto stato assegnato il Premio alla Memoria di Graziella Lonardi Buontempo. Ospite d’onore della serata l’attore Massimo Lopez.
Nella giuria di questa edizione
, presieduta da Gianni Letta: Rosita Marchese (Vicepresidente C.d.A. Teatro Stabile di Napoli), Giulio Baffi (critico la Repubblica Napoli), Donatella Cataldi (giornalista Tg3-Chiediscena), Fabrizio Coscia (critico Il Mattino), Emilia Costantini (critico Il Corriere della Sera), Masolino d’Amico (critico La Stampa), Maria Rosaria Gianni (capo redattore cultura Tg1), Enrico Groppali (critico Il Giornale), Katia Ippaso (critico Il Messaggero), Walter Le Moli, (regista e membro del C.d.A. Fondazione Teatro Due di Parma), Angelo Pastore (direttore Teatro Nazionale di Genova).