Libro| ilmondoodiusk.com
Qui sopra, la copertina del libro. In alto, parole sussurrate all’orecchio

Tomo tomo, cacchio cacchio. E’ il nuovo libro di Luciano Galassi che sarà presentato sabato 21 settembre alle 11:30 alla libreria napoletana Iocisto in piazza Fuga. Edito da Phoenix Publishing. 
Protagonista, il turpiloquio, il linguaggio trasgressivo che riflette i nostri sentimenti più immediati di rabbia, rivalsa, volontà di offendere, strumento dialettico e persuasivo, arma di incursione e di difesa.
Con l’autore, ci saranno Giulio Adinolfi e Giuseppe Giorgio che modera l’incontro, tra le letture di Gino Curcione e gli interventi di Andrea Jelardi.
Per i napoletani le parolacce sono un espediente per colorire concetti, sottolineare espressioni, riscattare stereotipi o reinventare il modo d’esprimersi. Il “parlare grasso” si tramanda in modi di dire e produzioni letterarie dal ’500 ad oggi.
L’autore lo ha razionalizzato, riordinato e spiegato un caleidoscopio di immagini e di parole tutte da godere.
E dal testo proponiamo alcune espressioni colorite di queste pagine: Va’ a fa’ ’nculo! “Vai a fare in culo!”. Altra volgare interiezione-invito cui si compie l’azione di mandarequalcuno a quel paese, al diavolo, all’inferno, alla malora.
Oppure ancora: […] C’è anche una scenetta narrata da Enzo Grano: un gruppo di giovanotti, “nella notte di agosto dall’afa matrigna”, nella zona della Speranzella ai Quartieri Spagnoli, si avvicina “ad un vecchietto raccolto nella miseria sulla soglia del tugurio” e così lo apostrofa: «Ne’, cumparie’, iammo buono pe’ ghi’ addo’ avimm’ ’a i’ nuie?». (Che è un po’ il famosissimo “per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?” di Totò nell’indimenticabile film Totò, Peppino e la malafemmina). E l’altro, di rimando: «Si avit’ ’a i’ a ve rompere ’o cazzo, site arrivate.  Si avit’ ’a i’ a fa’ ’nculo, trasiteca veservo».
Già dirigente d’azienda, Galassi è appassionato di enigmistica, letteratura italiana del ’900 e napoletanistica.Con la casa editrice Kairós ha pubblicato i testi ’O mellone chino ’e fuoco, Acqua ’e maggio, Le zandraglie, Mannaggia Bubbà, Asso ’e coppe, Chianette e carocchie, Cucozze e caracazze, Figlio ’e ’ntrocchia, Nonna nonna, nunnarella; la raccolta di racconti Sigma più, Venere all’incanto e il romanzo 101 sfumature di eros. Nel 2015 per Guida-Kairós sono usciti Salùtame a sòreta e la nuova edizione, riveduta e ampliata, di wellerismi napoletani.