Palcoscenico riorganizzato per le nuove restrizioni. Dopo il successo degli spettacoli in live streaming, continua l’esperienza di Napoli teatro festival sul web.
Basta un clic per entrare nella Mediateca dello spettacolo di ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania dove poter vedere, gratuitamente, on demand alcuni degli eventi andati in scena per l’ultima edizione della rassegna diretta da Ruggero Cappuccio.
Questo l’elenco degli spettacoli disponibili online: Settimo senso da un racconto di Ruggero Cappuccio, drammaturgia e regia Nadia Baldi, con Euridice Axen.  Resurrexit Cassandra, ideazione e regia Jan Fabre, testo Ruggero Cappuccio, performer Stella Höttler. Sala s’attesa, the waiting room, spettacolo scritto e diretto da Ettore De Lorenzo, con la partecipazione di Massimiliano Gallo.
E ancora: Perché leggere i classici da Italo Calvino con Francesco Montanari e Guglielmo Poggi, regia Davide Sacco. La mistica del cosmo, mezzosoprano e direzione artistica di Raffaella Ambrosino. Li canti della gatta Cenerentola, un progetto di teatro musicale e pupi napoletani di Ambrogio Sparagna, con la partecipazione straordinaria di Iaia Forte.
Da non perdere, la dimensione onirica di The magic door con Giada Colagrande (voce, theremin, tamburo), Arthuan Rebis (voce,chitarra classica, nyckelharpa, hulusi, esraj), Vincenzo Zitello (arpa celtica, lama sonora, flauti, santoor), Giovanna Barbati (violoncello barocco), Nicola Caleo (tamburo a cornice).
Un’occasione per vedere o rivedere anche  Una persona. Ovvero come Fernando scoprì di essere stato Luigi spettacolo musicale di Roberta Rossi.
Rumore di fondo nato da un’idea di Ivo Parlati, Nadia Baldi con Gea Martire.
E risentire il Concerto tra scrittura e riscrittura di Roberto De Simone, dall’opera di Johann Sebastian Bach, direttore d’orchestra Luigi Grima.
Infine, Tutte le notti di un giorno di Alberto Conejero, lettura drammatizzata con Claudio Di Palma, Marina Sorrenti, a cura di Instituto Cervantes. E  Y-Saidnaya di Ramzi Choukair.
Spettacoli on demand su
cultura.regione.campania.it/web/teatro/ondemand
Nella foto di W. Bergman, Stella Höttler è Cassandra

RISPONDI