Qui sopra, Dominique Donnarumma. In alto,
nella famiglia Maione sul sete del Commissario Ricciardi

Ha solo quindici anni, Dominique Donnarumma, viene da Gragnano, in provincia di Napoli dove ha frequentato un corso di danza ma anche di recitazione al centro Laborart con il coach Peppe Mastrocinque. Una decisione che ha cambiato totalmente la sua vita.
L’adolescente napoletana, dopo aver esordito come attrice, in un piccolo ruolo, nel film “In punta di piedi” di Alessandro D’Alatri e nel cortometraggio “La musica è finita” di Vincenzo Pirozzi, ha da poco terminato le riprese di Generazione 56K”, la serie tv dei The Jackal, in uscita nel 2021 sulla piattaforma Netflix. E adesso è nel cast della serie televisiva “Il commissario Ricciardi”, in onda ogni lunedì in prima serata su Rai1. Dove dà il volto a Benedetta, figlia di Raffaele Maione (Antonio Milo) e Lucia Caputo (Fabrizia Sacchi).
«Prendere parte alla fiction “Il commissario Ricciardi” – commenta Dominique- è stata un’esperienza bellissima e indimenticabile, grazie anche al regista Alessandro D’Alatri, che avevo già conosciuto anni fa sul set di “In punta di piedi”. Con lui tutto diventa più facile, poiché riesce a farti sentire a proprio agio e a rendere tutto più bello».
Tra qualche mese sarà sul set del prossimo film di Vincenzo Pirozzi. «Sono sempre più entusiasta – racconta- di aver intrapreso questa strada. In questo periodo così difficile e complicato per tutti, a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, la recitazione mi ha spronato e mi ha dato la forza per continuare a sognare. Nonostante stiamo ancora combattendo questo brutto mostro, la speranza di tornare di una vita normale è sempre più forte. La mia speranza si alimenta giorno dopo giorno, grazie alla mia passione per il cinema».

.

RISPONDI