Romanzo/Imma Vittozzi in viaggio tra i confini del sé. Con una melodia a(lla) Luna

0
405

In un appassionante viaggio ai confini del sé, la scrittrice, Imma Vittozzi, nel suo secondo lavoro: “Luna” (Amazon, pagine 157, euro 10,40), ci trasporta  al centro della psiche di Luca, alla ricerca di un’identità in parte smarrita.
È questo  il filo conduttore dell’intrigante volume che  tiene il lettore ancorato alla narrazione fino alla fine del viaggio intrapreso dal protagonista per  dare  la  “caccia” a  un importante pezzo da museo, un quadro di Paul Gauguin: “Danzatrici al chiaro di luna”, meta :  l’isola  di Santo Domingo.
Con maestria, l’autrice dipinge il ritratto dei personaggi , mentre il  filo si dipana,  il racconto si intensifica di spunti interessanti in un susseguirsi di eventi, e il lettore è  pervaso dai suoni di allegre note sparse, i cui  continui riferimenti  gli faranno  raggiungere, nelle ultime righe del delizioso pamphlet, una meravigliosa  ritrovata melodia che sfiora e accompagna le movenze delle danzatrici raffigurate.   
Tra le accattivanti  pagine del romanzo, ricco di fascino, sono descritte con  tocco disinvolto, anche l’insofferenza e la  fastidiosa  inquietudine  che  trasportano Luca “dall’altra parte del mondo”. Viaggio  che lo allontanerà dall’io, per la conoscenza del sé, che costituisce il vero serbatoio da cui la nostra mente continua a attingere.
Un io pienamente appagato da traguardi raggiunti nel campo del lavoro e  dai tanti successi riconosciuti e vissuti  in una Milano nervosa e amata. Unica apparente ragione per cui il protagonista  parte alla ricerca di un nuovo pezzo -un  quadro che nessuno aveva mai visto- è l’ennesimo traguardo che gli avrebbe portato ancora  più notorietà e nuova testimonianza della sua bravura  da esibire continuamente per dimostrare a tutti le sue capacità, soprattutto al padre che, non  più presente, continua a soppesarlo.
Tutto ciò che Luca aveva raggiunto, aveva però significato  non lasciare spazio alle amicizie, ai sentimenti, lo aveva relegato in una solitudine dell’animo. Era cresciuto con poco amore e molti agi, non era capace di trasmettere i suoi sentimenti pur continuando a mantenere la purezza di spirito.
L’autrice lo evidenzia con acutezza in alcuni passi iniziali: dinanzi a  Luna, picchiata dal marito, Luca: «le chiese se aveva bisogno di qualcosa, e se in qualche modo poteva essere utile, e decise che era arrivato il momento di andarsene…non era compito suo…».
E, ancora: «Capì che era arrivato il momento di pensare  a quello che doveva fare. Doveva prendere la sua strada… alla ricerca di quell’uomo…» continua a raccontare Vittozzi.
Poi, nel  giovane rapporto di sana amicizia  con Lorenzo, sottolinea che Luca si fida di lui ma solo in parte, quando gli racconta : una “mezza verità” sul motivo del suo viaggio sull’isola.
Abituato a vivere senza sentirsi mai protetto dal padre, ma solo giudicato, Luca  in “Luna” è l’uomo dell’apparenza, l’uomo come tanti, inizialmente in bilico tra l’unica realtà che conosce  e  la ricerca di un distacco da essa, di un volo.  
È tra le righe del viaggio, nella splendida isola di Santo Domingo, molto ben tratteggiata in queste pagine, che  trasuda tutto il suo  tormento: Luca vive in : «un piccolo terremoto sensoriale che non lasciava spazio al riposo…». e , a contatto con quella natura dirompente, che plasma pensieri e stati d’animo, pagina dopo pagina, si trova, dapprima, dinanzi all’incomprensibile senso della sua vita, in un vortice che lo attanaglia.
Fino a scoprire  l’altra parte, l’oltre, l’essenza dell’uomo che la scrittrice  magistralmente mostra, racconta  e  fa  coincidere con il raggiungimento della  felicità collettiva.
©Riproduzione riservata

RISPONDI

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.