Presentata al Teatro San Carlo la seconda  edizione del premio letterario Matilde Serao . Rosanna Purchia, sovrintendente del Teatro di San Carlo, con Alessandro Barbano direttore de “Il Mattino” e il regista  Claudio Di Palma, hanno illustrato la serata  in programma al Teatro di San Carlo lunedì 28 maggio con inizio alle 20.30. Una serata d’eccezione, dunque,  per celebrare la fondatrice del Mattino con l’assegnazione del premio letterario alla scrittrice iraniana Azar Nafisi (foto).
Il premio Serao, promosso e organizzato dal quotidiano Il Mattino sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica per rendere omaggio alla sua cofondatrice a 126 anni dalla nascita del giornale, ha infatti assegnato il premio all’autrice di “Leggere Lolita a Teheran”, attraverso una giuria composta da tutta la redazione del “Mattino e dagli editorialisti, gli scrittori ed i collaboratori del giornale.
Azar Nafisi, figlia dell’ex sindaco di Teheran e di Nezhat Nafisi, prima donna a essere eletta nel parlamento iraniano, compie i suoi studi prima in Inghilterra, dove viene mandata dai genitori a 13 anni, poi negli Stati Uniti dove si laurea in letteratura inglese ed americana.
Tornata in Iran, dove diviene professoressa di letteratura inglese presso l’Università di Tehran, sarà testimone della rivoluzione islamica e della presa di potere di Khomeini, diventando presto un’oppositrice del regime.
Nel 1995, nell’impossibilità di proseguire le sue lezioni senza attirare il biasimo delle autorità, si licenzia invitando sette delle sue migliori studentesse a seguire lezioni-dibattito in via del tutto privata a casa sua, per motivi di sicurezza. Insieme analizzano e studiano alcune tra le opere censurate dal regime: Lolita, Madame Bovary ed il Grande Gatsby. Da quest’esperienza trae origine il suo libro “Leggere Lolita a Teheran”.
La manifestazione, dopo una prima edizione ospitata  dal Teatro San Ferdinando e organizzata in collaborazione con il Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale (l’anno scorso il riconoscimento venne assegnato ad Antonia Arslan)  vede per questa seconda edizione una sinergia con il Teatro di San Carlo, sinergia che si concretizzerà quindi in un gala-spettacolo dedicato alle eccellenze femminili della cultura, delle arti e dell’impresa, per la regia di Claudio Di Palma.
Madrina della serata sarà Carolina Rosi, una serata che vedrà anche la partecipazione straordinaria di Lina Sastri che reciterà brani tratti dal “ Ventre di Napoli” e dello scrittore Giuseppe Montesano.
La parte musicale sarà affidata all’Orchestra e al Coro di Voci Bianche del Teatro San Carlo e al talento diTre soprani  campani tra i più famosi della lirica internazionale eseguiranno alcuni celebri brani d’opera: Rosa Feola, Carmen Giannattasio, Maria Grazia Schiavo. La serata sarà anche l’occasione in cui verrà presentata la nuova veste grafica del giornale.