Nikon F2 puntata sui volti. Il digitale è un estraneo in questi scatti che Mimmo Ramires propone per la rassegna Mangiafoglia in arte curata dalla giornalista Paola De Ciuceis nel ristorante (Mangiafoglia) di via Carducci 32, tempio napoletano dei sapori biologici dove la bontà dei  prodotti attraversa il Mediterraneo. Un luogo in cui il patròn Stefano Civita ha voluto coniugare la genuinità del cibo con la bellezza delle opere su cui richiamare l’attenzione dei clienti. A tavola, circondati dal senso della meraviglia, della sorpresa, dell’incanto.
Da sabato 26 maggio fino al 15 settembre 2018 chi andrà a gustare verdure e ortaggi della grande tradizione napoletana o il pescato del giorno potrà anche tuffarsi nel giro del mondo illustrato dagli scatti analogici dell’autore napoletano, instancabile viaggiatore e fotografo professionista, specializzato in immagini pubblicitarie.

Sopra, Tuareg del deserto del Tassili. In alto, raccoglitrice di sale in Senegal fotografati da Mimmo Ramires
Sopra, Tuareg del deserto del Tassili. In alto, raccoglitrice di sale in Senegal (ph Mimmo Ramires)

People è il titolo eloquente della mostra che raccoglie 25 fotografie (a tiratura limitata di 5 esemplari). Gente  comune che s’impone in una magica scenografia del colore: così la realtà resta sospesa nel tempo, creando istantanee di emozioni. Dal 1979 in poi, Ramires ne cattura frammenti che restano eternamente giovani.
Il tessuto color arancio che avvolge una raccoglitrice di sale in Senegal si affianca al profilo dell’anziana in Egitto avvolta di nero mentre in mano regge monili sgargianti o ancora al chiaro turbante di un tuareg nel deserto algerino del Tassili.
«Protagonisti delle fotografie sono uomini, donne e bambini… In primo piano- osserva la curatrice- a mezzo busto o a figura intera, a volte ignari della presenza del fotografo, altre consapevoli e con lo sguardo dritto in macchina, in ogni caso intenti alle loro attività giornaliere dalle quali si distraggono, forse attratti dal clic, regalando un sorriso inaspettato o un’espressione tra l’attonito e l’incuriosito». Momenti vissuti intensamente e restituiti al pubblico.
Per saperne di più
http://www.mangiafoglia.it/

ramires| ilmonddoosuk.com
Ancora uno scatto che sarà in mostra: questa volta dall’Egitto