Arriva la primavera con i suoi fiori.
Versatemi subito una tazza di vino dolce (Alceo,  (621 a.C.- 560 d.C)
…ma il Sole che oggi ci scintilla intorno
non è quello che ha ricoperto nei millenni il suo ruolo imperiale.
La sua affascinante simbologia  è come scivolata nel tempo in una espressione  semplice, terrena e tenera, s’incarna in una rosa e respira in un Maggio: millenni di colonne   sonore e di messaggi d’amore.Siamo  immersi in una festa semplice che potremmo definire “festa delle rose, o festa di Maggio, ma che nel nostro Sud è nota nei secoli come “Pasca rusata”: una Pasqua “rosata dal Sole, naturalmente, dai petali di rose …..
Le nostre bisnonne ne ornavano le case di petali coltivate negli orti o nelle piante, perché le ragazze di casa se ne rinfrescassero il viso e ne attingessero amore e fortuna: un uso antico via via perduto  e che, con orgoglio e gioia, vogliamo citare in occasione di questa Pasqua, in omaggio di chi, ancora, serba la devozione e la dedizione all’incantevole usanza ultracentenaria della Pasqua rosata.
Chiamiamo a testimoni due poesie e invitiamo i nostri lettori e deliziarsi alla loro incantevole, tenera dolcezza:rose-orange

 

“PASCA RUSATA”

Sta venenno l’està !
Può arapì nu barcone, na fenesta,
ca ’o viento nun t’ ’e nzerra…
Nu cchiù mare ntempesta,
nuvole chiene d’acqua, viento ’e terra…
Sta venenno l’està !
Mo t’affacce e risciate, finalmente,
n’aria cchiù doce
ca fa cchiù allera ’a gente,
ca fa cchiù allere ’e vvoce
d’ ’e venneture e mette int’ ’e pparole
d’ammore cchiù curaggio;
ca fa parè Pusilleco
cchiù verde già, cu ’e ttavulelle pronte…
E che sole… che sole…
(Passa nu « quatto ’e maggio »
pe’ nu casino a Sant’Antonio ’o Monte…)
Sta venenno l’està !

’E vestite già pesano… ’E llenzole
già nfòcano… Nun è cchiù fredda, ’nfaccia,
l’acqua, ’a marina: mo a calore ’e sole,
scorre… e se fa cchiù fresca… e sguazzarià
— cu ’a scumma d’ ’o ssapone —
te può, bellezza mia!… Già veco ’e braccia
— nun appanna ’o balcone… —
veco sta mana chiattulella e nfosa
fermà cu duie fernette
sta trezza ancora nfosa,
nera e lucente comm’a nu gravone…
Benedetta l’està !

Ca si tu me perduone
e si m’aspiette,
facimmo tale e quale
comm’a Pasca passata…
(Pasca rusata !…)

Te porto tanta rose, e tutte ’e ffronne
tu dint’a st’acqua n’ata vota sfrunne,
e te ce nfunne…

E sbracciata, addurosa, spettenata,
sta vocca ca me sfuie, ca s’annasconne,
tu te farrai vasà
comm’a Pasca passata !…
(Pasca rusata !…)
Benedetta l’està !…
Ernesto Murolo ediz. Bideri,1969          

 

 rosa-gialla

“’E SCIUCQUAGLIE”

Chella ca se sciglieva a primmavera
‘e ccerase cugliute a ddoje a ddoje,
pecchè sultanto chelle erano ‘e ssoje
e ‘a facevano sta’ cuntenta e allera:
chella ca mme parette ‘a chiù sincera,
e mme vasava e nun cercava gioje
-ma s’ ’e ffaceva cu ‘e ccerase soje-
mo nun ‘o ssaccio anduvinà chi era.
se faceva  sciucquaglie e sciucquaglielle
cu ‘e ccerase sciugliute alleramente:
‘e chiù grosse, ‘e mmezzane, ‘e ppiccerelle.
E i’ mme ricordo, quanno abbrile trase,
dduje uocchie belle, chiare e stralucente,
e dduje sciucquaglie fatte cu ‘e ccerase.
Chi era? Era ‘a cchiù bella, ‘a cchiù gentile,
cu na faccella doce ‘e na madonna
ca, si fa ‘o pizzo a riso, ‘o core aonna:
pecchesto m’ ‘a ricordo dint’ Abbrile.
E mm’ ‘a ricordo dinto a nu curtile
addò  ll’arbere viecchie Abbrile ‘e nfronna,
e pe’ Pasca rusata, ancora, ‘a nonna
mette ‘e rrose sfrunnate int’ ‘o vacile:
mette ‘e rrose sfrunnate pe’ fa’ ‘a faccia
chiù fresca e prufumata sott’ ‘e vase
quanno ‘o sposo alla fine se ll’abbraccia…
Core, nun fuje na nnammurata mia:
nun cercà ‘o nomme; chella d’ ‘e ccerase,
no, femmena nun è, chella è ‘a Poesia.
E.A. Mario 1928

 

©Riproduzione riservata

RISPONDI