Arte verista e verit  artistica. La Mediterranea Arte (Via Carlo de Cesare, 60 Napoli) ospita fino al 7 febbraio la personale “Il Volto/La Verit ” di Achille Cevoli, a cura di Luigi Paolo Finizio.
L’esposizione comprende otto light box per una riflessione sui caratteri antropologici dell’uomo contemporaneo, svolta attraverso i volti degli operai che lavorano alla costruzione della Linea 1 della Metropolitana di Napoli, undici fotografie e cinque mosaici.
L’artista napoletano, tra gli anni settanta e novanta, si è dedicato alla sperimentazione della fotografia e del mezzo televisivo, arrivando subito dopo a interessarsi dell’arte digitale come mezzo di indagine sul segno, traccia tangibile del gesto creativo. La sua attivit  si caratterizza per una continua contaminazione tra i mezzi tecnici più moderni e le tecniche artistiche storicizzate, come il mosaico o l’acquerello. La mostra si pone come occasione per coniugare queste sue diverse sperimentazioni, in particolare la ricerca svolta personalmente dall’artista, come impiegato negli uffici tecnici della metropolitana, cogliendo la realt  umana degli operai impegnati a costruire le “stazioni dell’arte”, in una galleria di ritratti che ne identifica l’essenza attraverso i segni sedimentati sul volto di ciascuno. Cevoli contamina la modernit , evidente nell’uso del mezzo digitale e nei supporti stessi delle immagini stampate su alluminio e perspex, con la tradizione, legata soprattutto alla tecnica del mosaico ed all’attivit  manuale necessaria alla realizzazione di ogni singola opera.
Volti intensi e eloquenti, ritratti in un essenziale bianco e nero, cui si sovrappongono il colore e la trasparenza delle tessere di vetro, le bande colorate o elementi urbani e meccanici, che ne sottolineano i dettagli e le espressioni.
Scrive Cevoli “L’impegno quotidiano nei cantieri della costruenda Linea 1 della metropolitana di Napoli mi porta inevitabilmente a cogliere aspetti e situazioni con occhio diverso, riletture della realt  che io cerco di rappresentare attraverso il linguaggio estetico”.
Fin da quando lavoro in questo settore, quasi trent’anni, ho guardato con profonda attenzione i volti degli operai, i segni’ che su di essi si leggono sono netti, tangibili, inconfondibili.
Questi volti sono per me detentori di verit  e diventano pretesto per intraprendere un percorso speculativo sull’immagine e sui caratteri antropologici dell’uomo”.

Nelle foto, tre opere dell’artista

Per informazioni

www.mediterranea-arte.com

Orari

Dal luned al venerd ore 11/13,30 e 17/19,30

sabato ore 11/13,30

ingresso libero